Dragon ball FighterZ, il picchiaduro che stavamo aspettando?

Dragon ball FighterZ, il picchiaduro che stavamo aspettando?

Il 25 gennaio 2018 è uscito uno dei titoli più attesi di questa prima parte dell’anno. Un titolo che ha saputo mescolare l’hype dei fan della serie con la curiosità degli amanti del genere e che già dai primissimi gameplay mostrati, ha lasciato a bocca aperta moltissimi utenti in tutto il mondo. Stiamo parlando di Dragon Ball FighterZ, l’ultima fatica della lunga serie di titoli creati sulle storie di Akira Toriyama, che narra le avventure di Goku e dei guerrieri Sayan. Ma questa storia la conoscono tutti, quindi buttiamoci a capofitto ad approfondire questo picchiaduro che ci ha saputo veramente rapire.

La magia di Dragon Ball

La saga di Dragon Ball ha certamente segnato un era, non solo in Giappone, ma in tutto il mondo, cambiando radicalmente la visione del mondo manga e anime e facendo appassionare ragazzi di tutte le età alle avventure di Goku e compagni, e fare un titolo su questa pietra miliare non è certamente facile.
Soprattutto se quella che si decide di percorrere è la strada “non tradizionale”, e si decide di creare una nuova storia partendo dalle basi ma sviluppando in modo parallelo. Ed è quello che i ragazzi di Arc System Works hanno deciso di fare in questo FighterZ, ovvero creare una storia che permetta di giustificare il combattimento in squadra di diversi personaggi, talvolta anche antagonisti tra loro, per raggiungere un fine comune.
Ci ritroveremo infatti a guidare Goku, Vegeta, Crillin e compagnia bella in un mondo soggiogato dalla presenza di misteriosi Cloni che, guidati dal l’enigmatica Androide 21, attaccheranno i più grandi combattenti della terra.

L’incipit della storia ci è piaciuto molto e ci catapulta senza mezze misure in un mondo dove il divario tra giocatore e personaggi controllati è stato assottigliato per bene, rendendo credibili le scelte che muoveranno i personaggi che si troveranno a collaborare con i loro più acerrimi nemici grazie ad una forza comune che li aiuta, ovvero noi. Un escamotage semplice ma d’effetto che rende giustizia alla scelta di rendere Dragon Ball FighterZ un picchiaduro a squadre, dove dovremo combattere con squadre composte da 3 componenti.
La storia di FighterZ è distribuita in tre archi narrativi che si sbloccheranno man mano che si procederà con la storia e che diventeranno leggermente più difficili, ma nulla di impossibile a nostro parere, e che come ci si poteva aspettare, porta con sé molto fan service, ma fatto come si deve.
L’impressione che si avrà giocando a Dragon Ball FighterZ sarà quella di guardare una puntata del noto anime in quanto ogni meccanica che ha reso famosa la saga è stata riprodotta nei minimi dettagli. Ci troveremo di fronte a scontri frenetici e velocissimi, dove un singolo errore può costarti la partita e dove saper incastrare le mosse saprà fare le differenza tra sconfitta e vittoria, ma non solo. Infatti gli scenari tipici della serie animata di Akira Toriyama saranno riproposti in modo dettagliato, e avremo modo di distruggerli e sbriciolarli a seconda delle mosse che useremo, proprio come succede nel acclamatissimo manga!

Un picchiaduro per tutti i controller

Fino a qui abbiamo parlato di Dragon Ball FighterZ dal punto di vista di gioco della serie Dragon Ball, ma a livello di giocabilità e di semplice picchiaduro?

Una cosa è certa, i ragazzi di Ark System Works sanno fare il loro lavoro, e lo sanno fare in maniera egregia. FighterZ infatti si presenta ai giocatori come un picchiaduro ottimo sotto ogni punto di vista, capace soddisfare sia il giocatore inesperto che l’appassionato di picchiaduro ad incontri, questo grazie ad un sistema di combattimento per tutte le mani.
Molte combo potranno essere portate a termine anche premendo una successione di tasti non troppo difficile, e questo fa sì che chiunque riesca a portare a termine mosse visivamente spettacolari e possa vincere senza troppi problemi, almeno per quanto riguarda la storia, dato che online la musica cambia e di molto.
Se da un lato infatti viene accontentato il giocatore inesperto mettendolo su un base di gioco abbastanza permissiva e capace di far divertire anche senza aver studiato combinazioni di tasti quasi impossibili, dall’altra il gioco premierà quei veterani che invece raggiungeranno gli stessi risultati premendo i tasti nella giusta misura e con il giusto tempismo, regalando a questi ultimi maggiori danni e rendendo gli scontri online davvero interessanti e molto variegati.

Ovviamente Dragon Ball FighterZ non ci porterà solo a combattere una storia principale o a sfidare altri giocatori online, ma ci darà l’occasione di giocare e godere di diverse modalità, tra cui una modalità arcade che in base al nostro modo di combattere ed al nostro punteggio ci porterà a sfide di un livello davvero alto e che metterà a dura prova il nostro saper combattere, oppure potremo buttarci in un interessante modalità combo in cui dovremo imparare a concatenare diverse tecniche con tutti i personaggi del roster in un crescendo di difficoltà accompagnato ma che richiede un ottimo tempismo nelle ultime fasi. Insomma c’è divertimento per tutti i gusti e per tutte le fasce di abilità in questo nuovo gioco di Dragon Ball e se la semplicità iniziale vi sembrerà sconvolgente, più verrà approfondito il titolo e più verrà alla luce che per ottenere alcuni risultati bisognerà sudare e parecchio!

Ci sentiamo inoltre di voler fare i complimenti anche al comparto visivo e tecnico del titolo. Come abbiamo già specificato nei paragrafi precedenti, giocare a Dragon Ball FighterZ è un po come guardare una puntata dell’anime, con l’unica differenza che saremo noi a comandare i personaggi, ma finito uno scontro, la magia non si ferma. Voci originali nelle animazioni all’inizio ed alla fine del combattimento, avatar personalizzabili con i personaggi della saga, una buona selezione di arene per le sfide, riprodotti in maniera fedele e altamente distruttibili nei combattimenti, e delle buone colonne sonore fanno si che il nostro cuore, cresciuto con Goku e compagni, sia sempre rapito dallo splendore di questo picchiaduro.

Tirando le somme per questo Dragon Ball FighterZ, possiamo dire di essere rimasti totalmente soddisfatti dalla proposta fatta dai ragazzi di Arc System Works, che è stata capace di creare un titolo davvero divertente da giocare e molto bello da vedere, curando l’aspetto legato alle scelte dei personaggi, delle ambientazioni e dei combattimenti, tenendo conto della volontà di fan molto esigenti e cercando di creare, allo stesso tempo, un titolo capace di appassionare anche gli amanti dei picchiaduro che non apprezzano i Sayan e la saga legata al mondo dell’intramontabile Dragon Ball.
Un titolo bello sotto ogni aspetto e che, se vogliamo essere molto pignoli e precisi, pecca solamente nell’essere, alle volte, troppo facile per la storia, e di rendere il competitivo troppo bilanciato.
Nel complesso tuttavia ci teniamo a suggerire Dragon Ball FighterZ a tutti gli amanti del genere, perchè saprà regalare davvero diverse ore di gioco frenetico e concentrato e perché, superate le prime ore di gioco ed una volta entrati nel vivo della competizione online, si rivelerà essere un titolo davvero profondo e complesso, capace di accontentare sia i combattenti casual che i veri e propri appassionati del genere picchiaduro!

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook