Bianco fuori – Blacka

Bianco fuori – Blacka

Nuovo appuntamento con Fiori di Cemento. L’ospite di oggi è un talentuoso emergente di MI, nemmeno maggiorenne e idee già chiare. Ciao Sami, benvenuto su Fiori di Cemento. Partiamo da qualcosa di recente, ‘Bianco Fuori’, di cui hai rilasciato il video pochi giorni fa. Contento del riscontro del pubblico? 
Ciao ragazzi e grazie per l’occasione! Per quanto riguarda il video di ‘Bianco Fuori’ sì, diciamo che sono contento. In 2 giorni ha superato le 10.000 visualizzazioni ed ha avuto un bel riscontro da parte del pubblico, anche se ci sono tanti insulti nei commenti ed alcune volte non resisto e rispondo anche a tono.
In generale, invece, che lavoro è ‘Regista del Flow Vol.1’? 
RDF è un mixtape di 5 tracce uscito in free download su DatPiff il 18 aprile, con la collaborazione del mio manager attuale Yasir, che mi ha dato una mano nella scelta delle strumentali. È stata una cosa abbastanza fast, una roba molto “cotta e mangiata”, tanto per non stare fermo dopo l’uscita del mio precedente mixtape “RAPina” pubblicato a dicembre.
Tu sei giovanissimo. Da quanto fai rap? 
Ho iniziato a 13 anni nel 2012, quindi adesso sono 4 anni.
Con chi ti sei approcciato al genere? Che roba ascolti? 
Non ho mai detto “che bomba voglio farlo anche io” dopo aver ascoltato qualche rapper (anche perchè prima non ne ascoltavo tanti oltre alle classiche hit di Fabri Fibra ed Eminem). Ho iniziato perchè sentivo proprio il bisogno di sfogarmi, e ho deciso di farlo in rima. Diciamo che Emis Killa, ai tempi, è stato quello che mi ha fatto aprire di più gli occhi sulla scena rap. Con “Sono cazzi miei” e “Vaffanculo” mi fece innamorare del genere, e da lì incominciai ad approfondire tutto il mondo hip hop a 360°, non solo italiano ma anche americano e francese.
Due artisti con cui ti piacerebbe collaborare e perché. 
Blacka perchè spacca! Scherzi a parte, ce ne sono tanti di artisti con cui vorrei collaborare, però non ne ho qualcuno in particolare.
Quando vuoi staccare dal rap cosa ascolti?
  Di solito R&B o pop americano, però ascolto di tutto. Per rilassarmi sento anche della musica classica a volte.
Adesso a cosa stai lavorando?
  A dei nuovi singoli tutti prodotti dal mio braccio destro Cooper. Intanto faccio parte da pochi mesi della crew di Karkadan ,“Stranieri di Sopra”. State attenti, da settembre partirò con qualcosa di grosso.
Ringraziamo Blacka e gli facciamo un grosso in bocca al lupo per tutti i progetti futuri.
 Grazie a voi!
Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook