Gose ci presenta il suo ultimo lavoro: Overgose vol. 3

Gose ci presenta il suo ultimo lavoro: Overgose vol. 3

ggggA breve sarai fuori con OverGose Mixtape Vol.3: 22 tracce e 3 video già pubblicati. Parlaci un po’ della tua ultima fatica, che mixtape dobbiamo aspettarci?

Questo terzo volume, almeno idealmente, è stato progettato nel mio vecchio studio di registrazione, dove ho chiuso anche un paio di pezzi che troverete all’interno (BEWARE & ROBA MIA). In seguito, dopo aver ribeccato Depha, beatmaker che conoscevo da anni, con cui avevo perso contatti, ho deciso di fermare il tutto e di buttarmi su un nuovo progetto con lui, a distanza di poco tempo infatti esce “HoodStar Ep”. Sicuramente dopo l’ep tutti aspettavano il disco ufficiale, ma ancora non mi sentivo pronto ed ho riaperto il progetto “overgose”, curato sempre da Depha Beat per quanto riguarda voci e mix e da G Romano che ha masterizzato il tutto. All’interno troverete tracce personali a cui sono molto affezionato e tracce da mixtape PURO, stile e rime. Sicuramente sarà l’ultimo capitolo di questa trilogia.

Tra i feat spiccano i nomi di Pinto, Amir e Fetz Darko, già presente su Hoodstar. Che criterio hai seguito per scegliere le collaborazioni?

Non ho usato nessun criterio, nel senso che non ho pensato a nessuna mossa commerciale, anche permettendoni altri nomi. Ho voluto chiamare gente che rispetto artisticamente e umanamente, con cui ho anche un rapporto di amicizia.

Amir, Pinto & Lil Pin erano su OverGose Mixtape Vol.1 ed era un po che non facevamo un pezzo insieme, quindi, oltre ad avere la mia stima, li ho chiamati per questo. Fetz Darko fa parte del collettivo HOODSTARZ come anche Crisa, Strikkinino e altra gente che sentirete in varie skit nel mixtape.

Alla traccia 10 trovate la collaborazione con Y.E (rapper francese) e Hour.

E invece per le produzioni?

Ovviamente Depha Beat e G Romano, fra i migliori in circolazione. Fuzzy nella traccia numero 5 e Fetz che ho scoperto anche come beatmaker nel pezzo insieme.

Dai testi di Overgose Vol.3 emerge un Gose a tutto tondo, a tratti molto introspettivo. A 25 anni sei nel pieno della maturità artistica e personale?

Sicuramente ci sono pezzi molto sentiti e per niente scontati, qualcosa va interpretato e qualcos’altro arriva diretto. Posso dire di essere cresciuto molto ma non mi sento nel pieno della mia maturità artistica, personale sicuramente.. artistica no. Faccio rap ormai da tanti anni, senza grosse spinte, sempre e solo con i miei mezzi e con l’aiuto di poche persone fidate, questo non aiuta ad oltrepassare alcuni limiti artistici.

Quali sono i pezzi del mixtape che ritieni fondamentali e cui ti senti più legato?

Sono molto legato a livello personale alla traccia numero 5 (Cosa accade) scritta in un periodo di buio totale nella mia vita; alla traccia numero 2 (No perditempo) dove mi risollevo da molte situazioni e sicuramente “Fumo solo” il primo video uscito.

Per tanto tempo ti sei distinto nella scena romana scegliendo di non legarti a nessuna etichetta. Ora hai aderito al progetto Grounder; com’è nato il sodalizio con questa nuova realtà?

Ancora non sono legato a nessuna etichetta in realtà, ho solo le idee chiare. Grounder è un bel progetto di cui sentirete presto parlare..

Nel 2014 Hoodstar, nel 2015 OverGose Vol.3. La prossima tappa sarà il secondo disco ufficiale?

Non mi sento di sbilanciarmi… ora penso a questo terzo volume e a spingerlo al meglio con i miei mezzi. Di sicuro non sto fermo, chi mi segue lo sa.

Puoi scegliere un feat, la tua scelta su chi cade?

Fabri Fibra se mi fa una strofa alla Mr.Simpatia (risata)

Se dovessi invece scegliere un artista che non appartiene alla scena rap?

Vasco. Se c’era ancora il maestro Califano. RIP

Grazie mille e in bocca a lupo per il tuo mixtape in uscita.

Grazie a voi.

Matteo Muoio

12 ottobre 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook