Preoccupazione per il presidente emerito Ciampi: situazione stabile

Preoccupazione per il presidente emerito Ciampi: situazione stabile

carlo-azeglio-ciampiL’ospedale di Bolzano ha emesso questa mattina il bollettino medico nel quale si legge: «Ha passato notte tranquilla, ma rimane la situazione clinica seria, ma stabile. È necessario il continuo monitoraggio».

Questo l’aggiornamento fornito dall’Azienda sanitaria altoatesina sul presidente emerito della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. Per domani alle ore 10 è previsto un nuovo bollettino medico.

Ciampi, che compirà 94 anni il prossimo 9 dicembre, è sofferente da tempo di ipotensione arteriosa Ciampi. Ieri ha avuto una ricaduta, a seguito della quale è stato prontamente soccorso e trasportato da un elicottero della protezione civile all’ospedale di Bolzano dove è tuttora ricoverato sotto osservazione.

Tanta preoccupazione, soprattutto per l’età del Presidente, che rende necessaria molta prudenza con un continuo monitoraggio per tenere sotto controllo le sue condizioni cliniche».

L’ex è presidente, da tempo soffre di ipotensione arteriosa che sfocia in mancamenti, motivo per il quale nel 2004 gli è stato impiantato un pacemaker.

Si ricordano due preoccupanti episodi, uno nel novembre 2003 quando stava per incontrare Bush alla Casa Bianca, e l’altro nella primavera del 2004 quando si trovava negli appartamenti del Quirinale. In quest’ultima occasione, cadendo si ruppe la clavicola. Data la frequenza di questi malori al presidente nel 2004 è stato impiantato un pacemaker.

Giorgio Napolitano, appresa la notizia del ricovero si è subito informato delle sue condizioni e ne segue segue attentamente l’evoluzione e gli ha augurato una pronta guarigione.

Napolitano lo scorso 10 febbraio, al termine della cerimonia del giorno del ricordo dedicato alla tragedia delle foibe aveva avuto con Ciampi un incontro, cosa abbastanza insolita, se si considera che dopo il settennato si è chiuso nel riserbo insieme alla moglie signora Franca, sia pure continua a seguire il dibattito politico, con attenzione.

Ciampi, sulla riforma del Senato, in una sua dichiarazione si era schierato per riforma renziana, dicendo: «Bisogna superare inutili duplicazioni e quindi dire basta al bicameralismo perfetto», aggiungendo: «l’esigenza di una riforma che faccia del Senato una sede di riflessione e di collegamento tra l’interesse nazionale e le autonomie territoriali».

Sebastiano Di Mauro
12 luglio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook