Renzi alla Camera per presentare la sua agenda politica per l’Europa

Renzi alla Camera per presentare la sua agenda politica per l’Europa

Renzi-discorso-programmatico-semestre-europeoOggi, a partire dalle 9.30, il premier Matteo Renzi esporrà alla Camera il programma dell’Italia per il semestre di presidenza europeo, in vista del prossimo incontro tra i leader dei paesi dell’UE che si terrà a Bruxelles il 26 e 27 giugno. Nel suo discorso Renzi spiegherà che cosa vuole fare il suo governo in quei sei mesi in cui avrà la guida dell’Europa.

Il pensiero di Renzi è che il piano di rilancio delle politiche europee, soprattutto in tema economico sarà strettamente legato all’Italia, che ancora oggi si trova a dover fare i conti con l’alto tasso di disoccupazione e ha un’economia che stenta a ripartire.

Angela Merkel, proprio per venire incontro ad una politica comune ai paesi membri, ieri ha confermato che è arrivato il momento di introdurre il concetto di “flessibilità” all’interno del patto di stabilità europeo. Quindi con alcun i limiti sarà possibile modificare la loro spesa.

Renzi affronterà il tema di una nuova Europa per la crescita e il lavoro, perchè il concetto cardine del discorso del premier alla Camera, che poi sarà replicato alle 16,30 al Senato, è l’urgenza di realizzare un profondo cambiamento nell’agenda politica ed economica europea, in quanto «è arrivato il tempo di ripensare la strategia per rilanciare la crescita e creare lavoro».

Intanto dall’Europa arrivano segnali di apprezzamento per il modo di gestire le nostre priorità interne e il documento di Van Rompuy li «sta recependo», ha commentato soddisfatto il responsabile per la Ue Sandro Gozi. In crescita anche le quotazioni della titolare della Farnesina Mogherini come prossimo “ministro degli Esteri” dell’Europa, sulla quale ieri, il capo della diplomazia olandese Frans Timmermans, ha detto: «Senza dubbio è una buona candidata». L’Italia quindi ora si aspetta di avere maggior peso sull’Europa.

Sebastiano Di Mauro
24 giugno 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook