L’incarico a Renzi sempre più vicino

L’incarico a Renzi sempre più vicino

renziProseguono senza sosta le consultazioni al Quirinale e Napolitano forse già in serata potrebbe affidare l’incarico per la formazione del nuovo governo a Matteo Renzi, che accetterebbe con riserva di formare la sua squadra.

L’orientamento del capo dello Stato e dei partiti di maggioranza è di chiudere prima possibile la crisi e martedì si potrebbe avere il giuramento e poi giovedì il passaggio parlamentare per la fiducia.

Mancano dunque poche ore perchè il nuovo governo, guidato dal segretario Pd, veda la luce. Intanto questa mattina al Colle sono passati i partiti più piccoli e nonn vi è stata alcuna sopresa se si esclude la protesta della delegazione di Fratelli d’Italia: Meloni, La Russa e Crosetto che hanno consegnato simbolicamente al presidente della Repubblica le loro tessere elettorali come segno di protesta per l’avvio di un terzo governo che non passa per il voto degli italiani.

Il Movimento 5 Stelle, dal canto suo, che già aveva annunciato la sua rinuncia ad incontrare il Capo dello Stato, ha lanciato le sue “contro-consultazioni” con un sit-in davanti a Montecitorio. Tra i dissidenti c’è anche e Nichi Vendola di Sel, che afferma: “Matteo Renzi con una formidabile accelerazione politica ha dissipato un intero patrimonio di credibilità, di speranze e di consensi”

Renzi è già al lavoro per la formazione della sua squadra e questa mattina a Firenze ha incontrato Alessandro Baricco, il quale sia pure affermando che andava ad incontrare il futuro premier a Palazzo Vecchio, non si è lasciato però andare a dichiarazioni circa una sua eventuale accettazione di far parte del nuovo governo.

Il toto ministri prosegue e al dicastero chiave, come le Riforme dovrebbe andare la più che fidata Maria Elena Boschi. Della squadra farebbero parte parte altri due personaggi graditi a Renzi, come Lorenzo Guerini, candidato come sottosegretario alla presidenza del Consiglio Delrio che dovrebbe lasciare gli Affari regionali con diverse opzioni nella nuova squadra di governo.

Sebastiano Di Mauro
15 febbraio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook