La parola ai cittadini su partecipa.gov.it: dai il tuo contributo alla riforma costituzionale

La parola ai cittadini su partecipa.gov.it: dai il tuo contributo alla riforma costituzionale

Dallo scorso 8 luglio il Governo ha inaugurato Partecipa.gov.it, un’importante servizio tramite il quale i cittadini possono esprimere la loro opinione sulle riforme costituzionali rispondendo a due semplici questionari.

Il servizio, che sarà attivo fino all’8 ottobre 2013, è un vero e proprio strumento di democrazia partecipativa che utilizza in maniera saggia il web. Partecipa.gov.it ha lo scopo di capire come la pensano gli italiani sui temi dell’ambito costituzionale, ovvero sulla forma ed organizzazione di Governo e Parlamento, sulle Autonomie Territoriali e gli strumenti di Democrazia Diretta.

Sul sito vi sono due questionari, il primo, della durata di cinque minuti, che è a risposta chiusa e presenta domande di questo tipo:

«A che età si dovrebbe poter diventare Parlamentari? – oppure – Secondo te, l’attuale Parlamento composto da due Camere che hanno identiche funzioni e sono formate con meccanismi analoghi è da modificare in qualche modo?».

Il secondo questionario, di approfondimento e della durata di circa 20 minuti, permette di motivare le proprie risposte con dei commenti.

Sul sito è specificato che i risultati del sondaggio saranno poi: «pubblicati e potranno rafforzare il processo di revisione costituzionale. Per cambiare il Paese è importante il contributo di tutti, anche il tu. Questo processo strutturato ha l’obiettivo di favorire una grande partecipazione popolare e, allo stesso tempo, di coinvolgere ogni tipo di interlocutore, con differenti gradi di esperienza e conoscenza delle materie trattate. Ogni livello rimane comunque aperto a tutti».

Una lodevole iniziativa che merita maggior eco mediatico e che permette ai cittadini di esprimere senza troppi sforzi le loro opinioni su temi molto importanti.

Enrico Ferdinandi

(Twitter @FerdinandiE)

10 luglio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook