Trovata intesa su rinvio Imu a settembre. Il decreto alla prossima riunione del Cdm di domenica

Trovata intesa su rinvio Imu a settembre. Il decreto alla prossima riunione del Cdm di domenica

enrico-letta-premierAlla prima riunione del Consiglio dei Ministri di ieri si è trovato un accordo politico per ridefinire l’IMU, che sarà rinviato da giugno a settembre, escluso per i capannoni industriali, rivedendo entro 100 giorni, dalla scadenza della prima rata, l’intera materia riguardante la tassazione sulle proprietà immobiliari. Quindi è stata trovata l’intesa politica, ma per il varo bisognerà aspettare, come ha confermato lo stesso ministro dell’Economia Saccomanni intervenendo alla trasmissione televisiva Otto e mezzo, il prossimo consiglio dei ministri,  convocato per domenica nell’abbazia di Spineto.
Il Cavaliere Berlusconi, sulla cui testa si è abbattuta la scure della condanna della Corte di Appello di Milano, si è detto soddisfatto, commentando: “Devo dire con soddisfazione che il governo come primo decreto ha bloccato il pagamento dell’Imu del prossimo mese di giugno. Una bella vittoria ed una grande soddisfazione, ma non non basta perchè servono con urgenza gli altri provvedimenti, dal finanziamento della cig, alla revisione dei poteri e dei metodi di Equitalia”.
Il  Cdm aveva all’ordine del giorno anche l’eliminazione dello stipendio dei ministri aggiuntivo rispetto all’indennità parlamentare, che come spiegato dal premier Letta andrà a tutela di chi perde il lavoro. Enrico Letta ha quindi precisato: “Viviamo una situazione di grande difficoltà  e ognuno deve fare la sua parte. Confermo che il primo atto che il governo compirà non riguarda altri, ma riguarda noi stessi. Anche l’approvazione di questo decreto è stata rinviata al consiglio dei ministri di domenica e il taglio verrà utilizzato a parziale copertura del rifinanziamento della Cig.
Per quanto riguarda il problema esodati, il ministro dell’Economia ha chiarito: “non c’è un problema immediato ma piuttosto nel 2014, mentre serve una ricognizione esatta dei fabbisogni.  Per questo motivo su questo interverremo in un secondo momento”.
Il Ministro Saccomanni ha anche ha garantito che  il governo vuole evitare l’aumento dell’Iva a partire dal prossimo luglio, così come una manovra economica.
Al Consiglio dei ministri si è anche parlato di approvare un decreto sulla struttura di governo, i primi interventi di protezione civile per la tromba d’aria in Emilia-Romagna e la tragedia del porto di Genova, ma si è anche discusso di inasprire le sanzioni sulle norme che riguardano la violenza sulle donne e in proposito il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, ha proposto il braccialetto elettronico per gli stalker.

Sebastiano Di Mauro
10 maggio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook