Salviamo Playstation Plus! Ottobre

Salviamo Playstation Plus! Ottobre

ALLE PORTE D’OTTOBRE IL PLUS INIZIA A FARSI CALDO

Come ben sappiamo ogni mese Sony grazie al Plus “regala” dei giochi decisi da loro e questo mese (come i mesi scorsi) ci sono due Bonus: Dimmi chi sei e Rigs. Dimmi chi sei è un interessante gioco della nuova linea Playlink in cui dovrai sfidarti con amici e parenti usando il telefono come modo per rispondere alle varie domande e disegnare, mentre RIGS è uno sparatutto per VR situato in arene e che promette di essere molto frenetico.

I giochi PS4 sono di gran caratura. Possiamo leggere un certo Metal Gear Solid V The Phantom Pain e un’Amnesia che potrebbe stupire i giocatori che amano il genere Horror.

Per PS3 invece troviamo un mese molto più leggero e mediocre con titoli come Monster Jam Battlegrounds e Hustle King.

Invece PS Vita sorprende grazie ad un gioco in particolare come Skyforce (che dopo analizzeremo) e Hue, questi due titoli sono in cross-buy con Ps4.

Noi della redazione abbiamo deciso di portarne ben tre questo mese, giochi che abbiamo provato approfonditamente e che siamo in dovere di recensirvi.

SONO QUATTRO RUOTE MA NE GUIDI DUE

Questo titolo si riferisce a Monster Jam Battlegrounds, titolo che ha una miriade di difetti tecnici e che possiamo definire peggiore del suo predecessore. Partiamo dall’unico lato positivo, le macchine, sono tante e riproducono i personaggi famosi della serie televisiva. Ora analizziamo i problemi che ahimè sono tanti,a partire da una grafica da fine era Ps2. Ma non è solo questo, anche il Gameplay è veramente scarno, la macchina a volte al minimo accenno di curva sbanda da sola senza motivo o si gira su se stessa, in certi momenti si ha la sensazione di non stare controllando il veicolo. Un altro problema è la longevità. In circa 3-4 ore finisci il gioco se non meno, dipende dall’abilità del giocatore.

LA SORPRESA CHE NON TI ASPETTI

Skyforce è stato un gioco inaspettato, a cui non credevamo tanto, ma che invece ci ha lasciati a bocca aperta. Partiamo dal dire che il gioco è molto divertente e ti fa passare il tempo che è un piacere, ma anche il design del gioco non scherza per niente, con scenari ben fatti e una grafica ispiratissima.

La longevità è molto alta dato che il gioco comprende 9 livelli, ma dopo averli finiti sbloccheranno il livello difficile e così via, quindi può regalare tante ore di divertimento. Questo gioco può essere un motivo molto valido per riaccendere la Ps Vita, infatti come modo di giocare potremmo quasi dire che è la miglior console su cui giocarlo.

AMNESIA COLLECTION: INDOVINELLI DA INCUBO

Il connubio tra survival horror e indovinelli prende forma in Amnesia: Collection. Anche se, conoscendo solo di fama questa saga prodotta dalla Frictional Games, abbiamo scaricato subito questa raccolta in omaggio con il plus mensile per capire di che pasta fosse fatta. Dapprima rilasciato su PC e poi su console presenta alcune caratteristiche molto interessanti accolte dalla critica con grande fervore, e tenendo conto che è stato rilasciato nel 2010 bisogna davvero riconoscere dei meriti ai produttori. Adesso bando alle ciance ed immergiamoci nello spettrale mondo di Amnesia!

UNA STORIA TUTTA LA LEGGERE

La voglia di raccontarvi la storia di questa saga per filo e per segno è tanta perché da molto tempo ormai non si viveva una trama così coinvolgente in un gioco horror, ma non è nostra intenzione fare spoiler quindi mi limiterò a descrivervi sommariamente gli eventi.

I protagonisti di questa avventura si risveglieranno privi di memoria e man mano che proseguiranno in questo viaggio dell’orrore, grazie a flashback e a ritrovamenti di documenti come pagine di diari e simili, riuscirà a ricomporre i pezzi di questo puzzle andato in frantumi scoprendo poco a poco quali terribili verità si celino dietro questo mondo paranormale ostile. La persecuzione è la parola chiave, infatti saremo sempre perseguitati da “qualcosa” di poco amichevole che vorrà farci la pelle a tutti i costi.

Gran parte della trama verrà descritta dai numerosi documenti rinvenibili durante il gioco che ci impegneranno in letture incalzanti e ben proposte da un doppiaggio inglese non sempre perfettamente godibile a causa di un bug audio che affievolirà la voce narrativa tra una pagina e l’altra creando un fastidioso effetto altalenante.

INDOVINA INDOVINELLO QUESTO GAMEPLAY È BRUTTO O BELLO?

Essendo stato prodotto e rilasciato inizialmente su PC avevo già intuito della probabile bassa precisione nei comandi attraverso il pad, e difatti così è stato. Per fare un semplice esempio l’esplorazione richiederà l’apertura di cassetti, bauli, armadi, porte e simili e con il pad si trovane alcune difficoltà in più rispetto all’utilizzo di mouse e tastiera, anche se è sempre possibile collegare mouse e tastiera alla PS4, quindi potenzialmente il problema non sussiste.

Il gameplay si sostanzia nella fuga dai letali mostri inseguitori e nel risolvere rompicapi e puzzle abbastanza impegnativi anche se non sono stati pienamente all’altezza delle aspettative e la prima persona riesce a calare il giocatore nei panni del protagonista rincarando la dose di ansia che trasuda dalle mura delle sinistre ambientazioni che sono probabilmente il vero punto di forza di questa saga.

Altra particolare peculiarità è la duplice salute, o vitalità che dir si voglia, in costante minaccia: il nostro personaggio, in quanto comune uomo, oltre a subire danni fisici, sarà condizionato anche dagli avvenimenti surreali che vivrà i quali lo renderanno letteralmente pazzo danneggiando la propria salute mentale.

Per restare sani di mente dovremo rimanere il meno possibile al buio accendendo torce e candele con l’utilizzo di acciarini reperibili in modeste quantità per tutto il gioco, riparandosi vicino le poche finestre presenti per beneficiare della luce diurna e utilizzando la nostra lanterna ad olio che dovrà essere ben dosata nel suo utilizzo a causa della necessità di essere alimentata con del combustibile, priva del quale si spegnerà inevitabilmente lasciandoci vagare nel buio. Anche il solo guardare i mostri ci turberà a tal punto di impazzire.

SONY SCALDA I MOTORI?

Il mese di Ottobre su PS4 non la tocca di certo piano, Amnesia Collection e Metal Gear Solid: The Phantom Pain (che vi proporremo in un articolo dedicato) sono i titoli validi che rispettano quell’aspettativa di giochi offerti con il servizio Plus di casa Sony.

Certo Metal Gear ormai si trova a pochi euro e la maggior parte dei giocatori forse neanche conosce Amnesia ma la forza del Plus è anche questa ovvero quella di proporre titoli validi non per il loro prezzo ma per l’esperienza di gioco che sono in grado di proporre. Non ci resta che sperare in una selezione di tale importanza anche nel prossimo mese!

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook