Ci siamo! Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue

Ci siamo! Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue

Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue

Quando si parla della saga di Kingdom Hearts è inevitabile rimanere un po’ confusi. Sarà perché la storia va avanti da più di un decennio e perché tra un capitolo principale e l’altro sono usciti un numero ingente di titoli più o meno fedeli alla storyline principale, ma tutti utili a loro modo, per far comprendere la vastità dell’universo in cui questo gioco è ambientato. In questo caso sembrerebbe che Kingdom Hearts HD 2.8 sia l ‘ultima collection a fare da prologo al tanto atteso ultimo capitolo della saga, al suo interno si trovano ben tre contenuti diversi; Kingdom Hearts Dream Drop Distance HD (rifacimento della versione per Nintendo 3DS) , Kingdom Hearts A Fragmentary Passage e Kingdom Hearts Back Cover.

La tanto attesa remastered di Dream Drop Distance

Questo gioco, uscito più di cinque anni fa, si può collocare in successione agli eventi narrati in Kingdom Hearts II e Kingdom Hearts Coded. La storia continua con la solita compagnia di personaggi e vede Sora a Riku impegnati nel duro apprendistato che li condurrà a diventare maestri del Keyblade. A tal proposito i due vengono inviati in una forma di passato alternativa con la missione di chiudere le sette serrature dei mondi dormienti ovvero dei luoghi minacciati, quindi non del tutto liberi dall’oscurità.

Per quanto riguarda il gameplay il gioco ci impone di alternare l’uso di Sora e Riku che a loro discapito scopriranno di non essere nella stessa versione dei mondi del passato. Questa meccanica di gioco che dà ad ogni personaggio un tempo limite è definita “caduta” quando infatti la barra di questa sarà terminata verremo catapultati in automatico nei panni dell’altro personaggio. Fortunatamente il tempo disponibile prima della “caduta”, rispetto a quello disponibile per Nintendo 3DS, è stato notevolmente allungato. Le dinamiche di action RPG sono rimaste fedeli alla linea, così come il fluimoto grazie al quale, sfruttando lo scenario, il personaggio può muoversi molto più agilmente.

KH_Disney

Novità molto gradita è l’introduzione degli Spiriti ossia dei divorasogni pacifici che si nutrono a loro volta di incubi e che si riveleranno potenti alleati. Infatti per loro come per i nostri personaggi sarà disponibile un albero dei talenti in cui potenziarli a nostro piacimento. Il motore di gioco e il rinnovamento dei particellari, in questa remastered, fanno ben sperare per la riuscita in toto del gran capitolo finale.

Back Cover per comprendere le origini

In questo lungometraggio ci troviamo a fare un salto lunghissimo nel passato. La storia infatti è ambientata al principio dell’era delle fiabe e segue i punti di vista dei vari maestri del Keyblade alle prese con un futuro in cui luce e oscurità, da sempre in conflitto, si muovono verso una fine ineluttabile e dal quale scaturirà poi la famosissima guerra dei Keyblade. Il film dura quasi un’ora e a detta dello stesso Nomura, il creatore della saga, non va per forza collocato tra un titolo e l’altro, ma piuttosto va interpretato come il tassello mancante per poter ricostruire la storia dall’inizio alla fine.

Un assaggio che lascia l’amaro in bocca

Con un totale di 3 ore circa di gioco inedito si può ben capire il perché dell’amaro in bocca, ma ci si può accontentare viste le altissime aspettative che questo prologo ci lascia una volta terminato. La protagonista Acqua è decisa a lasciare il regno dell’oscurità,dove era rimasta confinata fin da Kingdom Hearts Birth by Sleep, per ritrovare e ricongiungersi ai suoi amici Terra e Ventus. Durante le misere ore di gioco la trama non subisce twist improvvisi e rimane piuttosto lineare con l’intento della nostra protagonista di uscire da quel regno.

Le dinamiche di gioco, piuttosto basilari, tornano alla modalità classica di attacco e magie con l’aggiunta del “Focus” e dei “comandi situazionali” ovvero un misto tra i comandi di reazione presenti nel II capitolo e gli stili di comandi presenti in birth by sleep che ci permetterà sia di modificare lo stile della lotta sia di accumulare potenza per scagliare una potentissima e scintillante finishing move. Come ultima novità c’è l’introduzione di un guardaroba per la nostra elegantissima Acqua con il quale, dopo ovviamente averli rinvenuti, potremo implementare il suo vestiario.

Uno dei motivi che ci fa ben sperare per la buona riuscita dell’ultimo capitolo di questa magnifica saga è l’utilizzo, fin da questo prologo, dell’Unreal Engine 4 un motore grafico che sarà in grado di rappresentare al meglio tutte le sfumature di questo gioco da sempre pieno di colori e paesaggi ad effetto. Kingdom Hearts HD II.8 Final chapter prologue risulta pertanto un pezzo immancabile nella collezione dei milioni di appassionati che hanno seguito la saga in tutte le sue edizioni, quindi per il momento e in attesa dell’ultimo capitolo vi auguriamo un buon game.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook