Resident Evil Dove tutto ebbe inizio

Resident Evil Dove tutto ebbe inizio

Resident Evil Remastered: quando l’incubo ebbe inizio

Sono passati ormai 20 anni dall’uscita del primo Resident Evil sulla gloriosa Playstation, ma nel corso del tempo questo titolo ha vissuto e subito diverse conversioni e restyling per molte console, come la pubblicazione per Sega Saturn, PC, le edizioni Director’s Cut e le Remastered per le console Gamecube, DS e Wii di casa Nintendo, per poi vedere la pubblicazione nell’ultimo restauro su console next-gen, dove siamo tornati con piacere nella vecchia mansione.

Ad un giorno dall’uscita del nuovo capitolo, Resident Evil 7, siamo lieti di rinfrescarvi la memoria, o di raccontarvi nel caso non abbiate mai avuto la fortuna di vivere tale incubo, su quanto accadde in principio e di come tutto nacque.

Prologo

Nei pressi di Raccoon City, nello specifico sulle montagne Arkley, circondate da una foresta, numerose scomparse misteriose ed omicidi attirano l’attenzione dell’R.P.D. (Raccoon City Police Department) che decide di investigare inviando la squadra Bravo della task force S.T.A.R.S. (Special Tactics and Rescue Service) in elicottero con la quale però, durante l’ultima comunicazione radio, si perde il contatto.

Per investigare riguardo la scomparsa l’R.P.D. invia una nuova squadra, Alpha S.T.A.R.S., composta da Chris Redfield, Jill Valentine, Albert Wesker, Barry Burton e Joseph Frost. Arrivati sul posto, ormai a notte fonda, lo scenario non è certo dei migliori: durante le ricerche Joseph trova i resti di una persona dilaniata tra la sterpaglia poco più in là della carcassa fumante di un elicottero precipitato e richiama a sé i propri compagni per condividere l’orrore della scoperta, ma è proprio in questo momento che un branco di cani scarnificati e famelici lo aggrediscono fino a lasciarlo in brandelli nonostante l’aiuto dei propri commilitoni. La situazione si fa subito drastica: l’elicottero con il quale sono giunti li abbandona anticipando il decollo ed altri cani spuntano dall’erba alta che circonda l’intera zona. La fuga verso una villa, che appare in lontananza, sembra essere l’unica soluzione possibile per mettersi al riparo da tali creature infernali.

L’inizio dell’incubo

Quella che sembrava essere una villa normale si rivelerà ben presto un luogo di puro terrore. Non si dovrà aspettare molto per fare la spiacevole conoscenza con una delle molteplici creature che infestano la casa: uno zombie! La casa è letteralmente infestata da creature non morte che cercheranno di azzannare i malcapitati di turno e, oltre ai comuni zombie, saranno presenti anche creature molto più potenti denominati B.O.W. (Bio Organical Weapon).

Esplorando l’immensa villa tra combattimenti, trabocchetti e rompicapo da risolvere per proseguire, ci si imbatterà in documenti e diari che descriveranno gli avvenimenti precedenti all’arrivo delle squadre S.T.A.R.S. e riveleranno elementi fondamentali della storia così come lo faranno le testimonianze dei pochi sopravvissuti rinvenuti nella casa. Il quadro della situazione inizierà a farsi chiaro quando troveremo il capo della squadra Bravo Enrico Marini in fin di vita nei sotterranei della villa il quale, intento a rivelarci del tradimento di Albert Wesker, protagonista di apparizioni sporadiche e misteriose dopo prolungati periodi di assenza durante l’intero svolgimento della storia, sarà ucciso proprio da quest’ultimo.

In sostanza tutto l’inferno al quale si assisterà durante la saga sarà il frutto del lavoro della UMBRELLA CORPORATION, azienda farmaceutica che in realtà cela sotto il suo apparente lavoro lecito lo sviluppo di Virus capaci di trasformare essere viventi in mostri non morti al fine di produrre e sperimentare le B.O.W. armi biologiche ad impatto devastante, con il vitale contributo di Albert Wesker. È lui l’artefice dell’incidente aereo avvenuto all’elicottero della squadra Bravo ed è lui che ha condotto la propria squadra nella villa, dividendo il gruppo con l’intento di testimoniare e raccogliere informazioni sul combattimento contro le loro infernali creazioni, liberate da lui stesso dai laboratori collocati nei sotterranei della villa. Come ormai vi sarà ben chiaro la villa nella quale si svolge la storia del primo capitolo di questa iconica saga è in realtà un laboratorio per sviluppare armi biologiche attraverso l’impiego del T-Virus prodotto dalla diabolica Umbrella.

La storia si concluderà con la drammatica scoperta del tradimento del loro caposquadra Albert Wesker, il quale sarà apparentemente trucidato da un Tyrant, una delle mortali creature alle quali lui stesso ha contribuito a creare e con la fuga in elicottero dei protagonisti assieme ai sopravvissuti assistendo all’esplosione della villa/laboratorio. Dopo cinque anni dall’uscita del sesto capitolo siamo ormai giunti agli albori del nuovo lavoro targato CAPCOM, difatti Resident Evil 7 uscirà domani 24 Gennaio 2017 per console nextgen e PC! Nella speranza di aver suscitato in voi la curiosità di conoscere tutta la storia di questa saga che negli anni fatto parlare di sè nel bene e nel male non possiamo che augurarvi delle notte insonni in compagnia di Resident Evil.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook