Sir Lovelot, un gioco che spiega…l’amore?

Sir Lovelot, un gioco che spiega…l’amore?
Immagine presa dalla schermata iniziale del gioco

Le delusioni amorose capitano nella vita, amori non corrisposti, dichiarazioni d’amore che non finiscono con il lieto fine che avevamo tanto sognato, una porta chiusa in faccia dopo un errore banale oppure, più semplicemente, quella fiamma di attrazione che si spegne piano piano, fino a non farci più provare lo stesso sentimento per una persona.

Reagire in questi casi è sempre difficile, ma l’unico modo per risollevarsi da queste delusioni è quello di rimboccarsi le maniche, riassestare il nostro orgoglio e ripartire alla volta del sempre misterioso futuro.
Chiusa una porta si apre un portone no?

Questa la trama di Sir Loverlot, il videogioco sviluppato da pixel.lu in collaborazione con i ragazzi di Sometimes You, che ci narra la storia di un simpatico ed impavido cavaliere, alla continua ricerca della principessa giusta per lui.

La primavera è alle porte, ma quanto è difficile conquistare il cuore di una donzella?

L’amore ai tempi di.. Sir Lovelot?

Basta uno sguardo al trailer di Sir Lovelot (che trovate qui sopra) per capire che non sto mentendo, e che la trama di questo folle titolo è proprio questa: un cavaliere cerca di conquistare la sua principessa, ma non tutte le storie finiscono con un “e vissero per sempre felici e contenti”.

Il gallo canta e il nostro Sir si ritrova buttato fuori di casa dalla sua amata. Non le avrà portato la colazione a letto? Non le avrà fatto abbastanza coccole o dato abbastanza attenzioni? Questo non c’è dato saperlo, ma ciò che è certo è che bisogna rimediare, non possiamo certo stare a dormire all’aperto no?

Facciamo quindi un bel respiro e iniziamo a viaggiare nelle lande di questo mondo in pixel art, alla ricerca dello sguardo di qualche bellezza da corteggiare.

Come farlo? Semplice.
Occorre fascino, una buona dose di coraggio e tempismo, il regalo giusto ed il gioco è fatto!
Se poi, durante il percorso si trovano qualche moneta e qualche gallinella dalle uova d’oro, potremmo definire questo il nostro giorno fortunato!

In termini videoludici questo si trasforma in un platform simpatico e dallo stile retrò, incentrato sui tempismi e sul trial and error, con molte sezioni di mappa nascoste agli occhi del giocatore, e con la pretesa di essere giocabile da tutti, sia da chi vuole un gioco leggere e rilassante, sia da chi cerca una bella dose di sfida.

Sir Lovelot
Fonte immagine: https://www.igdb.com/games/sir-lovelot/presskit

L’amore non è bello se non è…platform?

Sir Lovelot è un platform a schemi, dove il giocatore dovrà cercare di raccogliere i vari oggetti richiesti per poter completare il livello al 100%. Una sfida decisamente semplice per i primi passi, ma con una curva di difficoltà sempre crescente man mano che si affrontano i quattro schemi che compongono la mappa generale del gioco.

Per farvi belli davanti agli occhi della vostra donzella, dovrete riuscire ad ottenere l’oggetto del desiderio di quest’ultima e solo a quel punto, con tutto il suo amore deciderà di sciogliere i suoi lunghi capelli per farvi salire nella sua torre.

La progressione negli schemi di Sir Lovelot racconta la progressione dell’amore delle principesse per il vostro personaggio. Le prime infatti, saranno facilmente impressionabili, vorranno solamente un fiore in regalo per essere corteggiate, mentre proseguendo per la mappa di gioco, vi verrà richiesto di raccogliere sempre più oggetti.

Partendo da un semplice fiore, si passerà a dover trovare anche un anello, per poi salire di grado fino ad un diamante e per finire con un lecca lecca, che si stia spargendo la voce del vostro essere un Don Giovanni?

Ai giocatori più completisti questa storia d’amore darà la possibilità di tornare a far visita alle vostre ex durante il vostro cammino, per poter cercare gli oggetti nascosti nella mappa o per cercare di finire il livello con un numero di morti minore di quello richiesto…rimarrà un segreto tra voi ed il gioco, tranquilli!

Sir Lovelot
Fonte immagine: https://www.igdb.com/games/sir-lovelot/presskit

In amore vince.. chi va con calma!

Il comparto artistico di Sir Lovelot è decisamente semplice, sia per quanto riguarda la scelta stilistica grafica, incentrata su una pixel art fluida e colorata, sia per quanto riguarda la musicalità, con tracce strumentali ripetitive ed incalzanti, che solo in rari casi metteranno fretta al videogiocatore.

Ed è proprio questa la vera differenza tra Sir Lovelot e gli altri giochi di questa categoria: la calma

Il titolo non spinge mai il giocatore a mosse avventate o non lo mette mai in situazioni frenetiche e rapide, al contrario, spinge ad una scelta ponderata delle mosse da fare in base all’ambiente circostante, premiando chi si ferma ad ammirare il panorama esplorando ogni angolo.

Molte sezioni del gioco infatti saranno nascoste alla vista del giocatore attraverso muri invisibili che daranno accesso alla parte della mappa nascosta non appena verranno attraversati dal giocatore, che dovrà quindi analizzare bene l’ambiente circostante per finire lo schema con poche morti e poter puntare al 100%.

I nemici che affronterà il nostro Sir saranno via via sempre più pericolosi e potenti, ma mai eccessivamente agguerriti nei suoi confronti, risultando spesso solo un pretesto per affrontare con ulteriore calma una parte dello schema.

In conclusione, Sir Lovelot è un gioco platform divertente e simpatico, adatto a tutti i tipi di giocatori, sia a chi vuole perdersi nei suoi mondi a cercare di conquistare donzelle nel più galante dei modi, sia per i Don Giovanni che vorranno solamente saltare di palo in frasca per non dormire fuori nelle notti di primavera.

Il suo stile è accattivante e strizza l’occhio alle grandi produzioni del passato, ma con un gameplay fluido ed adatto alla giocabilità moderna del titolo. Un ottimo modo di avvicinarsi a questo genere anche per chi non è così avvezzo a queste meccaniche punitive.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook