150 MILLIGRAMMI | L’eroina sconosciuta che ha piegato un colosso farmaceutico

150 MILLIGRAMMI | L’eroina sconosciuta che ha piegato un colosso farmaceutico

Un thriller sociale e una storia molto umana sulla medicina che riesce a tenere desta l’attenzione fino alla fine: 150 milligrammi di Emmanuelle Bercot con Sidse Babett Knudsen (La corte, 2015), la storia di una goccia nell’oceano che ha mosso una montagna.

“Vuoi fare la guerra alle industrie dei cattivi? Ci schiacceranno. Per adesso sono loro che ci danno da mangiare e senza finanziamenti niente ricerca”.

In questa battuta si racchiude il dilemma che affligge la ricerca scientifica spesso, soprattutto in ambito medico, divisa tra esigenze etiche e necessità economiche. 150 milligrammi è il racconto della lotta ingaggiata dal dottor Irène Frachon contro una importante casa farmaceutica francese per salvare centinaia di vite dal rischio di una mortale cardiopatia. Una storia vera vissuta in prima persona dall’autrice del libro che ha ispirato il film, “Mediator 150 mg, Combien de morts?”. Emmanuelle Bercot è sceneggiatrice e regista di 150 milligrammi e dirige una straordinaria Sidse Babett Knudsen in un racconto tutto incentrato sulla figura, ricca di sfaccettature, di questo medico bretone, una donna testarda e coraggiosa, ma anche ironica e sensibile.


Nel febbraio 2009 la dottoressa Franchon, pneumologo in un policlinico universitario di Brest, nota un sospetto collegamento tra i casi di ipertensione valvolare e polmonare e l’assunzione di un farmaco, chiamato Mediatore, commercializzato dai laboratori Servier. Con l’aiuto di un ricercatore, il professor Le Bihan, Irène comincia ad approfondire la questione e fa un’inquietante scoperta sul farmaco in questione. Con Le Bihan si rende però anche conto del preoccupante giro di interessi economici che ruota attorno alla commercializzazione di questo farmaco e dovrà scontrarsi contro l’universo arrogante e brutale di accademici e legali piegati alle esigenze delle case farmaceutiche. Ma Irène non teme il conflitto, il rischio e nemmeno il disprezzo, va avanti avendo a cuore un unico obiettivo: la salute dei suoi pazienti che portano un nome preciso. Nonostante le diverse e numerose difficoltà, Irène trova lungo la sua strada alleati inaspettati: una studentessa in farmacia che cita il numero delle vittime a Brest nella sua tesi, l’epidemiologo Caterina Haynes, un editore tenace e audace, una giornalista de Le Figaro e persino un anonimo dipendente del CNAM (Fondo Nazionale per l’Assicurazione sanitaria) che di nascosto le passa dati su larga scala.


Irène è una donna tenace ma anche molto umana, il suo scopo principale è tutelare la salute dei suoi pazienti. Ed è esattamente questa la sua forza: ciò che per i normali ricercatori e per le aziende farmaceutiche sono solo numeri per lei invece rappresentano persone, con un nome e un volto precisi. La sua storia parla di una donna soprattutto determinata, apparentemente brusca ma in realtà mossa da una profonda compassione verso il prossimo.
Il suo personaggio così sfaccettato dà dinamicità al film e, nonostante i tanti aspetti tragici della vicenda, riesce dove necessario persino a sdrammatizzare il racconto. Irène è una dottoressa caparbia, dai modi non sempre gentili, che non sarebbe propriamente qualificata per affrontare una ricerca di questo genere, ma, almeno nel film, possiede una virtù particolare: è capace di vedere la sofferenza dei suoi pazienti e sa dare la giusta priorità alle cose. Per questo è in grado di non lasciarsi spaventare da un sistema corrotto, perché non è mossa da interessi personali, ma dalla speranza di miglioramento e dalla volontà di salvare altri.


150 milligrammi ripercorre tutte le tappe della vicenda della dottoressa Frachon fino al suo sorprendente epilogo in modo certamente romanzato, ma con una tale aderenza nelle intenzioni che alcuni dei personaggi reali hanno preso volentieri parte al film. Prima fra tutti la stessa Irène Franchon, che nella pellicola fa una breve apparizione, e le due giornaliste che la intervistano, che nella finzione interpretano il loro stesso ruolo.

150 MILLIGRAMMI | scheda tecnica

VOTO: 8/10
TITOLO: La fille de Brest
USCITA: 9 febbraio 2017
REGIA: Emmanuelle Bercot
SCENEGGIATURA: Emmanuelle Bercot e Séverine Bosschem
DURATA: 128′
GENERE: drammatico, medicale
ANNO: 2016
PAESE: Francia
CASA DI PRODUZIONE: Haut et Court e France 2 Cinéma
DISTRIBUZIONE (ITALIA): BIM distribuzione
FOTOGRAFIA: Guillaume Schiffman
MUSICHE: Martin Wheeler, Bloum
CAST ARTISTICO: Sidse Babett Knudsen, Benoît Magimel, Charlotte Laemmel, Patrick Ligardes, Mazureck Garance, Lara Neumann, Isabelle Giordano, Elise Lucet

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook