SAINT AMOUR | Un viaggio interiore tra le Regioni della Francia

SAINT AMOUR | Un viaggio interiore tra le Regioni della Francia

Jean e Bruno (Gérard Depardieu e Benoît Poelvoorde) sono un padre e un figlio che da molti anni allevano tori nella loro fattoria di famiglia. Si trovano a Parigi per il Salone Internazionale dell’Agricoltura, e Jean ha tutta l’intenzione di vincere il primo premio. Purtroppo si scontra con un figlio che non sa cosa aspettarsi dalla vita, ad eccezione della sua certezza di non voler più allevare tori e del suo amore smisurato per il vino. Jean vedendo Bruno sempre ubriaco e incapace di portare avanti il suo lavoro, decide di fare un viaggio con il figlio a bordo di un taxi, alla scoperta dei vini di ogni Regione francese (da qui il motivo del titolo Saint Amour, nome di un famoso vino francese).

Inizia così una esilarante e amara avventura che porterà Jean, Bruno e il loro giovane autista Mike alla scoperta di terre, sapori e odori francesi. La coppia Depardieu-Poelvoorde già vista in Asterix alle Olimpiadi e in L’autre Dumas funziona alla perfezione, e trasforma un tipico road movie in un viaggio interiore che ha lo scopo di mettere a nudo le loro personalità, facendo uscire allo scoperto cose non dette e problemi mai risolti.

Jean è affascinante, nonostante l’età e la stazza che non passa inosservata; è l’esempio dell’uomo saldo, sicuro di sé, che ha lavorato per tutta la vita orgoglioso del suo mestiere e che ancora pensa segretamente alla moglie scomparsa e mai dimenticata. Bruno è invece l’esatto opposto del padre, in evidente difficoltà e incapace di piacere alle donne, affoga i suoi dispiacere nel vino rendendosi protagonista di situazioni spesso molto imbarazzanti. Mike (Vincent Lacoste) è l’autista discreto, che li accompagna nel viaggio e che li ascolta, senza mai dare un giudizio.

I tre viaggiatori si lasciano andare liberamente a nuovi incontri, e ogni Regione che raggiungono gli regala numerose sorprese oltre ad ottimi bicchieri di vino. Ad ogni fermata incontrano donne stravaganti, emancipate, sole e svincolate da tabù sessuali imposti dalla società. Si trovano davanti all’inaspettata opportunità di affrontare le loro paure, liberare i loro istinti, riscoprire o conoscere per la prima volta il contatto fisico, il bisogno nonché il piacere di avere accanto qualcuno.

Tra un assaggio di vino e una degustazione di pietanze locali, Jean e Bruno hanno la possibilità di parlare e di sapere di più l’uno dell’altro. Il risultato è che si piacciono, si piacciono davvero. Jean ascolta estasiato le molteplici conoscenze del figlio e Bruno apprezza le attenzioni e la dolcezza del padre.

Il film è semplice ma carico di ingredienti e sapori, proprio come il vino che ne dà il titolo. I primissimi piani mettono in risalto i volti di tre uomini sofferenti, che hanno dimenticato come comportarsi con donne sempre più intraprendenti che si struggono ma allo stesso tempo combattono per vivere nel miglior modo possibile. I registi Benoît Delépine e Gustave Kervern ci fanno ubriacare di possibilità, ovvero di infinite strade che un uomo può prendere per arrivare alla felicità nonostante le difficoltà. Strade spesso tutt’altro che convenzionali.

Voto: 7.5

Uscita nelle sale giovedì 27 Ottobre 2016

Saint Amour

Regia: Benoît Delépine e Gustave Kervern

Scritto da: Benoît Delépine e Gustave Kervern

Produzione: No Money Productions, JPG Films, Nexus Factory

Genere: Commedia

Durata: 101 minuti

Musiche: Sébastien Tellier

Paese: Francia, Belgio

Cast: Gérard Depardieu, Benoît Poelvoorde, Vincent Lacoste, Ana Girardot, Chiara Mastroianni, Andréa Ferréol, Céline Sallette

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook