Bridget Jones’s baby – Romanticismo fantascientifico e ironia

Bridget Jones’s baby – Romanticismo fantascientifico e ironia

E’ l’interrogativo di questo fine settimana al cinema: sarà riuscita Bridget Jones a battere la pesciolona Dory in quanto ad affluenza di pubblico nelle sale? Bridget Jones’s baby è uscito nelle sale italiane lo scorso giovedì 22 settembre, ma per il momento il ritorno di René Zellweger nei panni dell’icona femminile più maldestra del Regno Unito ha ricevuto una tiepida accoglienza, mente Alla ricerca di Dory nel suo primo weekend nelle sale ha già raggiunto incassi da record. Eppure con il suo cast eccellente questa brillante commedia realizza un esilarante connubio tra ironia e stratosferico romanticismo.

Il terzo capitolo della storia di Bridget Jones deve probabilmente scrollarsi di dosso il ricordo del deludente passaggio di Che pasticcio, Bridget Jones!. Uscito nel 2004 questo sequel non riuscì a raggiungere nemmeno lontanamente le vette del successo de Il diario di Bridget Jones e lasciò il pubblico piuttosto annoiato rispetto alle continue e ormai scontate disavventure della giovane eterna single.

bridget-jones-2

Forse proprio per questa ragione la storia di Bridget Jones’s baby sembra compiere un salto completo di quasi tredici anni. Sharon Maguire, regista e sceneggiatrice di questo nuovo episodio, recupera la trentenne single un po’ goffa ma simpatica e autoironica del primo diario e la ripresenta come una graziosa donna over 40, un po’ meno impacciata ma sempre capace di non prendersi troppo sul serio. Cambiano i sogni e le aspettative e al posto del diario c’è un I-pad, ma la disarmante onestà senza filtri di Bridget Jones resta sempre la stessa.

bridget-jones-3

La vera originalità di questa commedia però sta tutta nel divertente contrappasso che si viene a creare tra il personaggio un po’ sopra le righe di Bridget e il fascino seducente dei due uomini che si contendono il suo cuore e questa volta anche il suo pancione. Bridget infatti è incinta ma non sa chi sia il padre del suo bambino. L’elegante Colin Firth, di nuovo nel ruolo dell’avvocato più british di tutta l’Inghilterra, Mr Darcy, e il seducente Patrick Dempsey, nei panni di un attraente ed eccentrico miliardario americano, Jack Qwant, ingaggiano così una romantica battaglia tra loro per conquistare i favori di una donzella un po’ cresciuta in attesa di un figlio che potrebbe essere il loro.

bridget-jones-4

In questo romantico contesto quasi fantascientifico, calza a pennello la figura di Emma Thompson, versatile interprete dall’inconfondibile realismo comico. Lei veste i panni della sagace ginecologa che accompagna Bridget nei mesi di questa gravidanza affollata di padri. Con pungente ironia riesce a cogliere gli aspetti più umoristici della vicenda e ogni sua scena è garanzia di divertimento assoluto.

Voto: 7/10

Titolo: Bridget Jones’s baby

Uscita: 22 settembre 2016

Distribuzione: Universal Pictures

Paese e anno: UK 2016

Durata: 122

Genere: commedia romantica

Regia: Sharon Magiure

Sceneggiatura: Sharon Maguire, David Nicholls

Interpreti: Renée Zellweger, Colin Firth, Patrick Dempsey, Emma Thompson

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=tWefdiCwnzA

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook