ANTEPRIMA LA NOTTE DEL GIUDIZIO – ELECTION YEARS : VENDETTA, TREMENDA VENDETTA!

ANTEPRIMA  LA NOTTE DEL GIUDIZIO – ELECTION YEARS : VENDETTA, TREMENDA VENDETTA!

La Notte del Giudizio: Capitolo tre. Prosegue la saga horror – thriller, ambientata in un futuro dove l’anarchia vige per una sera, regalando vendette di sangue e morte senza nessun impedimento morale o… legale. Nel primo capitolo abbiamo vissuto assieme ad una famiglia “normale” i disagi che questa situazione sopra le righe ed esasperata portano, nelle dinamiche di vita quotidiana, mostrandoci le conseguenze per ogni azione commessa dai rispettivi componenti del nucleo.

Nel secondo è stata alzata la posta, mostrando la situazione nel 2023, dove la criminalità è scesa ai minimi storici grazie ai cinque anni passati con La notte dello Sfogo in calendario spingendo ancora di più sul pedale della follia e del sangue libero.

Questo terzo film prosegue la scia rossa lasciata dai due precedenti lungometraggi della serie, gettandoci negli occhi ancora più orrore e più suspence: 105 minuti con in scena Frank Grillo, Elizabeth Mitchell, Edwin Hodge e Kyle Secor, che riprendono, due anni dopo, i fatti mostrati in “Anarchia – La notte del giudizio”.

Dopo aver infatti risparmiato la vita all’uomo responsabile della morte di suo figlio, l’ex sergente di Polizia Leo Barnes (Frank Grillo – Minority Report, Pride and Glory, End of Watch, Zero Dark Thirty, Capitan America: The Winter Soldier, Capitan America: Civil War, The Shield, Blind Justice) è diventato capo della sicurezza della Senatrice Charlene Roan (Elizabeth Mitchell – Frequency il futuro è in ascolto, JAG, E.R., Spin City, CSI, Law & Order: Unità vittime Speciali, Everwood, Dr House, Lost, V, Revolution), la favorita alle elezioni presidenziali imminenti, che intende eliminare la notte dello Sfogo.

La sera di quello che dovrebbe essere l’ultimo Sfogo, tuttavia, un traditore all’interno del governo costringe Barnes e Roan a scendere nelle strade, dove dovranno trovare un modo per sopravvivere. Fino alle 7 di mattina (l’ora della fine), almeno…

In sostanza, un film con alcuni cali di tensione a livello strutturale ma un discreto spettacolo per gli amanti del genere e per chi non ha paura di saltare, almeno in un paio di occasioni, letteralmente sulla sedia. Nei cinema italiani dal 28 Luglio.

Voto: 6,5 su 10

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook