Friends VS How I met your mother

Friends VS How I met your mother

La nuovissima VERSUS si ripresenta con un confronto emozionante! I due autori di oggi avranno il difficile compito di affrontare il confronto tra due serie cult: Friends e How i met your mother.

Tra le risate delle sit-com potrete sentire rumori di frasi affilate come coltelli che tagliano la pagina, gocce di sudore che cadono sul foglio, meningi che si spremono.

Friends: sit-com degli anni ’90 che ha influenzato generazioni e sit-com stesse. La difende a denti stretti Martina Bischetti.

How i met your mother: sit-com contemporanea, innovatrice, tutta sale e pepe. La difende con ardore Stefano Labbia.

Arbitra: Gian Marco De Cicco

 

1 La tua serie ha avuto un’influenza molto ampia sul pubblico. Quali pensi siano state le sue innovazioni, i punti di forza e le eventuali debolezze?

Martina: La sitcom Friends venne trasmessa per la prima volta nel 1994. In un periodo in cui internet e lo streaming non facevano ancora parte della nostra vita quotidiana, l’unico modo per seguire la serie era attendere con trepidazione le puntate serali o settimanali in televisione. La storia che aveva come protagonisti sei ragazzi trentenni, la loro amicizia, i loro amori, le loro sventure lavorative ed affettive era una novità e presto fu amata da un pubblico di ogni età. L’innovazione è stata l’utilizzo di una formula semplice: due appartamenti sullo stesso pianerottolo, il solito caffè sotto casa, un divano, le battute ricorrenti, e temi importanti trattati con ironia e comicità. Durante le dieci serie ogni personaggio è stato analizzato a fondo, sottolineando costantemente le ripercussioni nel presente della loro vita passata. Si assiste ad una vera e propria evoluzione caratteriale dei personaggi e lo spettatore ha la sensazione di conoscerli in prima persona poiché sa cosa amano, cosa li emoziona, conosce le esperienze vissute quando erano bambini, e si affeziona ad ognuno di loro indistintamente.

Il punto di forza del telefilm è senza dubbio quello di aver dato anima a sei individui particolari ed unici, intrecciando le loro vite con quelle di altri personaggi secondari con il fine di creare situazioni comiche mai banali o esagerate.

 

Stefano: How i met your mother prende a piene mani dalla cultura americana fatta di sit com, citando, shakerando, mixando generi (comedy, un tocco di drama, sentimento…) e creandone uno nuovo: un multi-camera format che aggiorna, diciamolo pure, Friends senza però parodiarlo. Insomma, l’America di How I Met Your mother è un’America multi culti e multi razziale, pregna di cultura pop, citazionista, smargiassa ed un pò sofferente, ma piena di vita, di colori e situazioni divertenti ed assurde in una girandola di colpi di scena! Siete arrivati anche voi come me sino alla fine della nona stagione per scoprire… come Ted abbia conosciuto sua moglie?!

 

2 Focus on: Joey Tribbiani e Barney Stinson: Due personaggi simili, latin lover strapparisate. Parlaci del tuo e di come potrebbe spuntarla in confronto.

joey-friendsMartina: Joey Tribbiani è senza dubbio uno dei personaggi più singolari all’interno del gruppo. Sempre in bilico tra il desiderio di diventare un famoso attore e quello di avere una vita semplice condivisa con i suoi amici, una pizza e la televisione. Mette sullo stesso piano l’amore che ha per il cibo e per le donne, che non riescono a resistere al suo fascino italiano e alle sue solite frasi studiate per fare colpo. Dietro a questa sua immagine di “attoruncolo” squattrinato, senza cultura e sciupafemmine si nasconde un uomo carico di amore. Si prende sempre cura delle sue sette sorelle, interviene ogni volta che i suoi amici ne hanno bisogno, e le sue braccia accolgono chiunque richieda un po’ di affetto. La sua massima dolcezza viene fuori quando Rachel diventa la sua coinquilina, che rimasta incinta, può sempre contare sulla sua presenza; alla fine lui finisce per innamorarsene ed il Joey divertente e ingenuo che conoscevamo, mette a nudo una profonda umanità.
Barney Stinson è un personaggio originale, con i suoi piani di seduzione e le sue magie divertenti, ma credo che non possa reggere il confronto. Joey fa ridere solo con le sue espressioni, la sua genuina ignoranza e non ha bisogno di trovate fantasiose o ultraterrene per affascinare.
È il personaggio buono, dolce e divertente, al quale è impossibile resistere.

 

Barney-Stinson-barney-stinson-30905474-1024-768Stefano: Barney è un vincente: non importa chi abbia davanti, riesce sempre a spuntarla e a fare sua qualsivoglia donna, al contrario di Joey che ha avuto le sue belle delusioni amorose. L’unica cosa che Barney potrebbe invidiare a Joey?
È che il secondo pare abbia avuto una serie tutta sua.
Che però sembra non sia durata poi molto…
E comunque non aveva certo la stoffa dell’originale Friends che adesso, diciamola tutta, ha fatto storia e sa di naftalina! Barney è stato assieme a Robin!
E se ha convinto lei…
Può convincere chiunque incontri sul suo cammino!

 

3 Per l’arringa finale descrivi il resto del cast utilizzando con un aggettivo per ogni attore.

Martina: Questo gruppo di amici è, a mio parere, di una bellezza impossibile da ritrovare.
Oltre a loro anche il cast secondario è da menzionare: Gunther, Janice, Richard, Estelle, i genitori Geller, Mike (e altri) si insinuano e ritornano all’interno della storia, ognuno con la propria particolarità e importanza. Poi ci sono loro, i sei personaggi che ho amato di più nell’enorme mondo delle Serie Tv. Descriverli con un aggettivo è una bella sfida: Ross il “paleolitico” alle prese con i suoi divorzi, i dinosauri, e le sue esilaranti mosse scattose; il fedele Joey sempre in cerca di cibo, donne, e con la costante paura di rimanere solo; Chandler il perdente nato, con la sua infanzia ambigua, la bassa autostima e la tagliente ironia; la falsamente superficiale Rachel con i suoi pianti, la sua ambizione e la riscoperta di una vita semplice senza ricchezze; la stravagante Phoebe con le sue particolari pratiche olistiche, i suoi mille anelli e il suo amore per la chitarra; la competitiva Monica con il suo folle ordine, l’amore per la cucina e la sua costante voglia di tenere tutti uniti. Meravigliosi!

 

Stefano:

Ted: incerto. Robin: pericolosa. Marshall: incosciente. Barney: vincente. Lily: pazza.
Chi non si è innamorato a prima vista della bella (e pericolosa) Robin? Chi non ha mai citato le nichiliste, maschiliste, sessiste teorie dell’imbroglione per eccellenza Barney? Chi non ha sofferto, riso, litigato come (e per i motivi di) Ted? O fatto scellertezze – pressoché quotidiane – come i coniugi Eriksen? Insomma, non riconoscersi, non affezionarsi a questa tribù di speranzosi e pazzi giovani degli anni 2000 è impossibile!

 

Se per Martina e Stefano è stato difficile il confronto, per chi arbitra la cosa si fa ancora più ardua. Se How I Met Your Mother mescola vari generi, Friends fa della sua semplicità un cavallo di battaglia. Abbiamo visto personaggi carichi di umanità in entrambe le serie che ci hanno influenzato nella vita di tutti i giorni e, nello specifico, abbiamo approfondito due figure che appaiono simili ma che portano con sé grandi differenze.

Sicuramente la serie che ha avuto più impatto sul pubblico è stata Friends che, a più di 20 anni di distanza, è conservata gelosamente nel cuore dei fan.

Joey, con quei suoi tratti umani, rapisce il telespettatore non solo per il suo aspetto da conquistatore ma anche per il suo lato profondo ed ingenuo.

How I Met Your Mother con i suoi personaggi dai tratti volutamente assurdi rappresentati in maniera verosimile porta un rinnovamento nelle sit-com.

Che dire, due serie molto apprezzate ma qualcuna la deve spuntare. Martina Bischetti è la vincitrice della sfida, sottolineando la semplicità di Friends e dei suoi personaggi. Semplicità che non significa banalità. Menzione al merito per Stefano Labbia che ha giocato bene le sue carte e che, con la sua arguzia, ha reso la sfida frizzante.

WINNER: FRIENDS di MARTINA BISCHETTI

Clicca Joker VS Joker per vedere il precedente Versus

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook