Il Ministro sbarca a Cannes – Festival di Cannes 2016

Il Ministro sbarca a Cannes – Festival di Cannes 2016

Il Ministro arriva a Il Festival di Cannes 2016 nelle iniziative collaterali.

Cannes 2016
Cannes 2016

Abbiamo parlato fino ad oggi di proiezioni in competizione, del Certain Regard e di qualche conferenza stampa. Ma in realtà Cannes non è solo questo. Durante il festival arrivano produzioni, distribuzioni e festival che propongono il proprio progetto al Marche’, il mercato più ambito dai professionisti del settore.

Domani (16 maggio 2016) alle ore 11.30, al cinema Olympia di Cannes, verrà proiettato il film de Il Ministro, regia di Giorgio Amato, ancora nelle sale italiane. Saranno presenti distributori di vari paesi.

Per chi non lo avesse visto, il film parla di come le persone si prostrino al potere. L’imprenditore bisognoso di un appalto invita un ministro a casa e da quel momento le vite di chi ci abita o chi solo passa da quella porta non saranno più le stesse.

Film davvero intelligente e pieno di ritmo, irritante in certi punti proprio per la verità di ciò che racconta. Pellicola, a mio avviso, che rispecchia esattamente l’Italia di oggi e che il mondo ha bisogno di vedere.

Speriamo che questo gioiello possa sbarcare i confini nazionali perché c’e’ bisogno di far conoscere all’estero i nostri autori, registi e attori – artisti che non hanno niente da invidiare ai colleghi d’oltralpe. Gli ostacoli siamo spesso noi italiani , orientati più a riconoscere il lustro degli altri. Nemo profeta in patria, si suol dire. Non si dà spazio a chi ha una testa per pensare, a chi ha idee innovative, a chi ha il cuore colmo di cinema. Se fossimo più aperti al nuovo, saremmo ancora il grande paese del cinema che tutti hanno amato. Magari però stiamo assistendo a un cambiamento.

Il Ministro ha tutto il diritto di essere distribuito all’estero, un film fatto di arte, amore e professionalità.

In bocca al lupo!

Per leggere la recensione de Il Ministro vai su https://www.2duerighe.com/la-dolce-vita-cinema/72265-il-ministro.html

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook