Vi perdono ma inginocchiatevi

Film evento 2012 per la Tv,  prodotto da La7  per ricordare la strage di Capaci, per raccontare le vite degli agenti della scorta di Falcone e Borsellino

E’ andato in onda ieri sera il Film-Tv prodotto da La7 “Vi perdono, ma inginocchiatevi”, che cavalcando l’onda mediatica di “Quello che non ho” ed in previsione della celebrazione del ventennale della strage di Capaci,  ha presentato il suo primo film-tv, prodotto con Boniventofilm S.r.l. e Regione Siciliana, ovvero “Vi perdono ma inginocchiatevi”, che, racconta le vicende legate alla tragedia che, oltre le vittime  ed i loro  famigliari, ha colpito la coscienza civile dell’Italia Intera.

Il film, tratto dal libro di Rosaria Schifani e Felice Cavallaro per la regia di Claudio Bonivento,  ben evidenzia il racconto intorno alle vite degli agenti di scorta, riaccendendo  i riflettori sulle loro storie dimenticate. Il suo titolo nasce dall’invocazione di Rosaria Costa, la  giovane vedova di Vito Schifani, uno degli  agenti che persero la vita nella strage di Capaci, estrapolandola dal suo intervento durante i funerali di Falcone.

Di  Giovanni Falcone si è parlato in diversi film per il cinema, ma soprattutto per la Tv, ma il film “Vi perdono, ma inginocchiatevi”,  ha invece bene  evidenziato la storia degli agenti di scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo ed il giovane Vito Schifani, riaccendendo  i riflettori sulle loro storie dimenticate che lasciaromo la loro vita nell’attentato al magistrato Giovanni Falcone, avvenuto il 23 maggio 1992. La cronaca ha dato poco spazio al racconto di questo dramma, in cui sono state coinvolte le tre famiglie, forse perchè persone comuni e che solo l’amore della moglie di uno di loro (Vito) ha saputo valorizzare, andando oltre la cronaca di quei tragici giorni, e anche grazie ai racconti fatti al regista dalle vedove Schifani e  Montinaro.

Incredibilmente bravi e all’altezza dei loro ruoli gli interpreti Vito Di Bella, Francesco Venditti e Lorenzo Roma, che con grande talento hanno dato vita ai tre agenti. A completare il cast Tony Sperandeo, nei  panni del sovrintendente Cupane, capo scorta di Falcone, Massimo Ghini, interprete di Vincenzo Parisi, il capo della Polizia, Lollo Franco, nel ruolo di Paolo Borsellino, Silvia D’Amico, che è Rosaria Schifani e Raffaella Rea che invece è Tina Montinaro.

Vi perdono ma inginocchiatevi sarà introdotto e seguito da uno speciale condotto dal direttore del TGLa7, Enrico Mentana, con la presenza di numerosi ospiti in studio. Chi non potrà seguire questa sera la pellicola, avrà la possibilità di vederla in streaming per 7 giorni dalla messa in onda all’indirizzo www.la7.Tv. e www.youtube.com/la7attualita.

Per chi, e spero siano pochi, non ricordano gli eventi dell’epoca, rammento che Falcone venne assassinato per mano della mafia il 23 maggio 1992, mentre viaggiava, insieme alla moglie Francesca Morvillo, sulla sua auto, seguiti dagli agenti di scorta. Mandante della strage fu  il boss Totò Riina, mentre l’esecutore materiale della strage fu Giovanni Brusca. Interessante, per chi vuole approfondire, è l’intervista di Alessandra Vitali a Vito Di Bella: “Vi racconto chi era l’agente Schifani, vittima della Strage di Capaci” http://blogsicilia.it, in cui il bravo attore palermitano Vito Di Bella, interprete del ruolo di Vito Schifani, racconta le sue emozioni e i retroscena del set.

Sebastiano Di Mauro
19 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook