Visita guidata alla National Gallery, quando il cinema è metarealtà

Visita guidata alla National Gallery, quando il cinema è metarealtà

NationalGallery_LOC

Quando si visitano le grandi città e metropoli europee, spesso ci si ritrova costretti a dover forzatamente scartare la visita di qualche museo, di una mostra, di alcuni palazzi antichi o di Chiese e Basiliche. Proprio perché città come Londra, Parigi, Dublino, Praga o Amsterdam sono così ricche di cultura, di vita artistica e di paesaggi all’aperto che devono essere visti a occhio nudo e pedibuscalcantibus, che inevitabilmente non è proprio possibile riuscire a visitare tutto, magari in ¾ giorni di vacanza. E allora si pensa subito a quando sia possibile ritornare per potere visionare tutto quello che è stato messo da parte, ma questo purtroppo comporta del tempo e le disponibilità. Nexo Digital, azienda leader nella distribuzione di eventi al cinema in alta definizione ormai da parecchi anni, viene incontro a queste esigenze e difficoltà portando nelle sale cinematografiche di tutto il mondo il Leone d’Oro alla Carriera alla Mostra del Cinema di Venezia: Frederick Wiseman presenta la National Gallery. Il Maestro del documentario permette di entrare digitalmente, per un giorno solo ovvero mercoledì 11 marzo 2015, nel Museo di Londra che ha affascinato per anni e continua ad attirare orde di turisti e visitatori da tutto il mondo. Un angolo di grande cultura e tranquillità, inserito in una metropoli che vive nel suo traffico quotidiano e in quel mood caotico che la contraddistingue, apre le sue porte a TUTTI i visitatori del mondo ad un prezzo davvero modico: il prezzo di un biglietto cinematografico!

“Raccolgo sempre moltissime ore di girato. Per questo i miei film sono ogni volta dei mosaici. Lo scopo del montaggio è così quello di trovare una struttura e una ritmica sulle quali non ho mai idee precostituite. I miei film sono sempre una scoperta”. Queste la parole del regista Wiseman, il quale si è dedicato a lungo al profilo delle grandi istituzioni del Nord America e quindi a quelle del resto del mondo. I suoi film, che spesso vengono avvicinati a saggi letterari, non presentano musiche o interviste o commenti aggiunti in fase di montaggio, ma al contrario permettono di avere una visione pura e cruda della realtà, facendo in modo che lo spettatore possa crearsi una propria personale opinione. In questo suo documentario, che ha deciso di girare all’interno di un luogo come la National Gallery di Londra, trasformandolo in un ritratto di un grande luogo di cultura, guida ogni soggetto all’interno del museo situato nel cuore di Trafalgar Square. Una narrazione “dal di dentro” di questa istituzione culturale, il suo funzionamento e il suo rapporto con il mondo, ma anche i rapporti che tesse quotidianamente con le persone che ci lavorano e il pubblico che prende un po’ tutte le età. Qui la narrazione è accurata e paziente, due caratteristiche che contraddistinguono ormai da sempre il regista: così vengono a galla i segreti dei microcosmi da lui spiati e studiati nei minimi dettagli, così ad esempio il pubblico scopre il teschio deformato che appare nell’olio su tavola “Ambasciatori” di Holbein il giovane e tanti altri piccoli dettagli.

Quindi per gli amanti dell’arte a tutto tondo e non solo, ma anche per gli appassionati del cinema di qualità, l’appuntamento è per mercoledì 11 marzo 2015 presso le sale cinematografiche sponsorizzate Nexo Digital (trovate l’elenco completo a breve sul sito www.nexodigital.it).

Rebecca Cauda

12 febbraio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook