And now… BAFTA 2015!

And now… BAFTA 2015!

Bafta-1Questi mesi per il cinema sono davvero scoppiettanti, ricchissimi di eventi, serata di gala, ma soprattutto premiazioni su premiazioni, piccoli antipasti (ma non per questo meno importanti) della serata degli Oscar 2015, che si terrà domenica 22 Febbraio 2015 all’1 di notte (orario italiano), presso il Dolby Theatre di Los Angeles e verrà presentata per la prima volta dall’attore Neil Patrick Harris.

Questa invece è stata la settimana dei BAFTA 2015 (British Academy Film Awards), la cui 68^ edizione ha avuto luogo domenica 8 Febbraio 2015, presso la Royal Opera House di Londra. Con tanto di eleganza, che contraddistingue il panorama inglese ormai da parecchi anni, sotto molteplici punti di vista. Iniziata con il classico Red Carpet, il quale ha srotolato davanti agli occhi di numerosissimi fan e addetti ai lavori (quindi giornalisti, cameramen e fotografi) i lunghi ed eleganti vestiti esibiti dalle attrici, dai più semplici ai più sfarzosi, e i completi maschili (alcuni sfoggiati con la cravatta, ma la maggior parte accompagnati dal più classico papillon), i quali sono riusciti spesso a mettere in ombra anche il più raffinato abito femminile. Ovviamente il clou della serata è stata la premiazione delle migliori produzioni cinematografiche del 2014, con il conferimento dei premi da parte della British Academy of Film and Television Arts. La competizione era serrata, in quanto i film candidati ugualmente belli, commoventi, ricchi di significati, riflettenti alcuni aspetti della vita quotidiana o di personaggi straordinari. La vera “battaglia” era tra gli inglesissimi “The Imitation Game” e “La teoria del tutto”, ma anche molto favoriti sembravano “Gran Budapest Hotel”, “Birdman” e “Boyhood”. Alla fine l’ha spuntata il film del regista Richard Linklater, il quale ha colpito talmente tanto la giuria da conferirgli alcuni dei più prestigiosi premi: Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Attrice non Protagonista. Continua la scalata verso il successo del giovanissimo Eddie Redmayne (il quale interpreta il fisico Stephen Hawking, già vincitore ai Golden Globes 2015 e inoltre presente alla serata dei BAFTA), il quale ha “strappato” il premio all’altro attore “che più inglese non si può”, Benedict Cumberbatch. Competizione che doveva essere però molto amichevole, dal momento che “L’Alan Turing cinematografico – Sherlock Holmes televisivo ” ha fatto il tifo e ha applaudito, sinceramente contento per il giovane Eddie, quando gli è stata conferita la statuetta. Premi tecnici quasi interamente consegnati a “Gran Budapest Hotel”, mentre la Migliore Attrice è risultata nuovamente essere Julianne Moore, la quale ha sorriso tutta la sera, con i suoi occhi verde smeraldo e la sua chioma rossa. Serata divertente e ricca di risate, scatti tra gli attori (alcuni davvero amici, al di fuori del set), che sembravano appartenere tutti ad una specie di grande famiglia variopinta, forse perché figli della stessa Madrepatria. Che siano o meno l’antipasto vero e proprio degli Oscar o una loro versione inglese non è così importante da considerare e scoprire: da notare invece come gli Inglesi dimostrino davvero di riuscire a fare “tutto” un po’ meglio degli altri. E poi, con quell’accento privo di “r”, chi può resistergli?

Rebecca Cauda
11 febbraio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook