Da Caligari a Hitler: i classici del cinema tedesco allo Spazio Oberdan

Da Caligari a Hitler: i classici del cinema tedesco allo Spazio Oberdan

unnamedProsegue fino al 16 febbraio la rassegna Da Caligari a Hitler – il cinema della Repubblica di Weimar, presso lo Spazio Oberdan di Milano.

Dal 1918 al 1933 in Germania ci fu un notevole fermento culturale, che produsse classici del cinema che affascinano ancora lo spettatore odierno: tra i titoli più celebri, Il gabinetto del Dottor Caligari (1920, di Robert Wiene), capolavoro del cinema Espressionista, L’ultima risata (1924) e Nosferatu il vampiro (1922) di Murnau, M. Il mostro di Düsseldorf (1931) e Il testamento del Dottor Mabuse (1933) di Fritz Lang, Il Golem (1920) di R. Wegener , L’angelo azzurro (1930) di J. Von Sternberg.

Oltre ai titoli citati sarà possibile rivedere una vasta selezione di film rari, riproposti spesso in edizioni restaurate e a volte anche con accompagnamento musicale dal vivo, a cura di Francesca Badalini e Antonio Zambrini.

Per contestualizzare l’inquieta atmosfera della Germania pre-hitleriana, che già serpeggia nei film proposti, il 3 febbraio verrà proiettato, in anteprima nazionale, il documentario di R. Suchsland, Da Caligari a Hitler, premiato all’ultimo Festival di Venezia

Parallelamente alla rassegna è allestita una mostra nel foyer dello Spazio Oberdan, realizzata con materiale fotografico della Cineteca Italiana e arricchita da alcune opere dell’artista Valerio Santarelli.

Per ulteriori informazioni e orari delle proiezioni
[email protected]
www.cinetecamilano.it
02 87242114

Valeria Gubelli
27 gennaio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook