“Song of Silence”, il cinema cinese indipendente di arriva in Italia

“Song of Silence”, il cinema cinese indipendente di arriva in Italia

song-of-silence-far.east-film-festivalArriva nelle sale italiane “Song of Silence” opera d’esordio del regista cinese Chen Zhuo. Attraverso una storia vera questo lungometraggio mostra aspetti sensibili e di un certo spessore della Cina contemporanea, ma che è in grado di diffonderli oltre i confini del paese.

Jing adolescente sordomuta e figlia di genitori separati si rifiuta di vivere con la madre ed il suo amante e si trasferisce in un villaggio di pescatori con il nonno e lo zio. Tascura gli studi e passa gran parte del tempo con il giovane zio, vedendo in quest’ultimo l’unica persona in grado di farla sentire amata. Presto il rapporto tra i due si spingerà troppo oltre finendo per oltrepassare i limiti della moralità, la ragazza sarà così costretta a trasferirsi dal padre dove incontrerà Mei, giovane compagna del padre ed amante della musica. Col tempo l’antipatia iniziale tra le due ragazze si trasformerà in un rapporto di amicizia, cambiando l’ostilità e la diffidenza in comprensione e solidarietà.

Un film toccante che delinea con cura e sensibilità temi come il disorientamento dei giovani, il disfacimento della famiglia, l’aborto e l’incesto. In parte proveniente dalla realtà, questa storia racchiude temi come le responsabilità sociali, l’amore, la perdita degli ideali e degli affetti in un contesto come l’era del cambiamento e della dislocazione. Per descrivere questi temi non è stato utilizzato un tono cupo e negativo, ma un’atmosfera tranquilla indicando il grigio come colore perfetto per descrivere questo film.

Primo film ad aver ricevuto un premio ufficiale in Cina, “Song of Silence” avendo ottenuto l’approvazione della censura cinese per il modo in cui sono raccontati questi temi molto delicati, potrà dare una visione a spettatori di diversi paesi e culture su come questi argomenti siano affrontati e queste esperienze vissute nel contesto cinese.

Federico Perruolo
4 giugno 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook