Una separazione (2011)

Una separazione (2011)

una-separazione-filmPrimo film iraniano a vincere l’Oscar, nel 2012, Una separazione di Asghar Farhadi narra le vicende di due coppie, benestanti e moderni Nader e Simin, poveri e osservanti Razieh e Houjat, coinvolte in un intrico di menzogne e mezze verità, omissioni, conflitti emotivi.

Nader e Simin sono in tribunale, davanti al giudice: si stanno separando. Simin vorrebbe andare all’estero per garantire alla figlia undicenne un avvenire migliore, ma Nader non può abbandonare il padre malato di Alzheimer. I toni sono accesi, ma il giudice li congeda senza concedere la separazione: Simin lascia lo stesso la casa, e Nader si trova da solo a gestire la vita domestica: per facilitare il compito, su consiglio della moglie assume Razieh, a cui serve denaro per saldare i debiti del marito disoccupato.

La donna però è incinta, le faccende di casa si rivelano troppo gravose per lei: inoltre, la sua stretta osservanza religiosa le crea impedimenti nell’accudire l’anziano non autosufficiente, e il marito non sa che la moglie sta lavorando nella casa di un separato.

La situazione è destinata a esplodere quando, trovando il padre legato al letto e dei soldi mancanti, Nader caccia in malo modo Razieh, che era fuori casa. La donna viene poi trovata da alcune vicine accasciata sulle scale; poco dopo si viene a sapere che Razieh è in ospedale, dove ha perso il figlio, e Nader è accusato di omicidio.

Si scontrano due famiglie e due mondi diversi, ma nessuno è veramente colpevole o innocente: i problemi di coppia si affiancano a quelli legali, facendo emergere i lati peggiori di ognuno.

Tra recriminazioni, parole non dette, false testimonianze, offerte di denaro, ricatti, si cerca una verità che non esiste, perché composta da tante verità individuali, inconciliabili.

Gli uomini restano arroccati sulle loro posizioni, le donne, di nascosto, cercano di mediare; bambini e anziani, istintivamente affini nonostante le differenze sociali, sono solo vittime.

Valeria Gubelli
13 marzo 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook