Now You See Me, un ottimo film che fonde leggerezza e intelligenza

Now You See Me, un ottimo film che fonde leggerezza e intelligenza

Now You See Me è certamente un film che sa far parlare di sé.

Il regista è Louis Leterrier e non è proprio una garanzia; questo è senza dubbio il suo miglior film. Lo si ricorda per Scontro tra titani, l’incredibile Hulk e Danny The Dog. Stavolta però, forse aiutato dall’incredibile cast, è riuscito a lasciare il segno e bucare lo schermo.

Questa pellicola riesce a prendere il meglio dei film leggeri come l’essere molto veloce e divertente, senza però cadere nella stupidità o banalità. Perfino le scene d’azione, esagerate e assurde come da manuale, non risultano fastidiose, proprio per la capacità di strizzare l’occhio allo spettatore con fare di intesa, senza prendersi troppo sul serio.

La trama vede protagonisti quattro “maghi”, ognuno con la propria capacità che lo distingue, come l’essere illusionista o mentalista, che si uniscono formando un gruppo di ladri che dona il denaro rubato agli spettatori. Lo svolgimento è basato sulla fuga dei quattro dalle forze dell’ordine con l’aiuto della “magia” e la ricerca del detective Dylan Hobbs (Mark Ruffalo) del trucco dietro l’apparenza.

Per come è sviluppata la trama risulta difficile attribuire il ruolo da protagonista, ma in ogni caso è conteso tra un bravissimo Jesse Eisenberg e Mark Ruffalo. Quest’ultimo come sempre impeccabile e continua per qualche strana ragione a essere uno dei talenti più sottovalutati di Hollywood.

Notevole anche la prestazione di Mélanie Laurent, ancora non famosa quanto dovrebbe, ma che continua a fare bene, come in Bastardi senza Gloria, Vento di primavera o Treno di notte per Lisbona.

Woody Harrelson nel ruolo del mentalista è semplicemente strepitoso, un portento. D’altronde lui è tra gli eletti che hanno partecipato a La Sottile Linea Rossa e ha interpretato ruoli tanto diversi in modo sempre straordinario, da 7 psicopatici a Non è un paese per vecchi, da Bunraku a Benvenuti a Zombieland.

Sa davvero aggiungere qualcosa al film dove partecipa.

Molto brava anche Isla Fischer, dopo una prova importante ne Il Grande Gatsby.

Inutile commentare Morgan Freeman e Michael Caine, nomi che ormai parlano giustamente da soli e tanto basta.

Now You See Me non è ovviamente un film da Oscar, ma è assolutamente consigliato a chi volesse vedere un buon film senza troppe pretese.

Unica critica, il finale. È ottimo chiudere un film con un colpo di scena e per quanto questo potesse essere simpatico, risulta forse un po’ troppo prevedibile.

“Avvicinatevi… Perchè più credete di vedere, più sarà facile ingannarvi!”

Morgan Freeman nei panni di Thaddeus Bradley

di Valerio Di Lorenzo

19 ottobre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook