Biennale Venezia: 70^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Biennale Venezia: 70^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Manifesto BiennaleVEIl manifesto ufficiale della 70^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale di Venezia, che si svolgerà al Lido dal 28 agosto al 7 settembre 2013, quest’anno è insieme un omaggio al cinema di Theo Anghelopulos e di Federico Fellini. L’immagine, realizzata da Simone Massi – animatore, regista e illustratore della sigla della Mostra rimanda a un’inquadratura del film di Theo Anghelopulos L’eternità e un giorno (1998), interpretato da Bruno Ganz. Un uomo di spalle agita le braccia in direzione di una barca che, in lontananza, trasporta un bambino e un rinoceronte. Una citazione autoironica del manifesto dello scorso anno (a sua volta ispirato a E la nave va, 1983, di Federico Fellini), che segna una continuità e un superamento allo stesso tempo. Un invito anche a guardare oltre, a viaggiare con l’immaginazione.
L’identità visiva e l’immagine coordinata della Mostra di Venezia è stata curata anche quest’anno dallo Studio Graph.X di Milano sulla base dei disegni di Simone Massi,  premiato col David di Donatello 2012 per il miglior cortometraggio, è l’autore della sigla che dallo scorso anno introduce le proiezioni ufficiali della Mostra di Venezia. La sigla ha una durata di 30 secondi, ottenuti da 300 disegni realizzati a mano che citano Fellini, Anghelopulos, Wenders, Olmi, Tarkovskij, Dovženko. Massi ha ideato la sigla con il contributo di Fabrizio Tassi. La musica è stata scritta ed eseguita da Francesca Badalini, mentre il sound-design è di Stefano Sasso. Julia Gromskaya ha realizzato le riprese e Lola Capote-Ortiz si è occupata della post-produzione.
L’attrice Eva Riccobono sarà, invece, la madrina delle serate di apertura e di chiusura della 70^ Mostra Internazionale ed aprirà la serata di mercoledì 28 agosto, sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido), in occasione della cerimonia di inaugurazione, seguita dalla proiezione in 3D del film di apertura (fuori Concorso) Gravity, diretto da Alfonso Cuarón e interpretato da Sandra Bullock e George Clooney, una produzione Warner Bros. Pictures.
Il 7 settembre poi, Eva Riccobono condurrà anche la cerimonia di chiusura, in occasione della quale saranno annunciati i Leoni e gli altri premi ufficiali della 70^ Mostra.
Eva Riccobono nasce a Palermo, da padre italiano e madre tedesca. Giovanissima si trasferisce a Milano, e in breve tempo diviene una delle più famose top model del panorama internazionale, richiesta dai più importanti fotografi del mondo e sfila per le griffe più importanti e di molti diviene testimonial di campagne mondiali.
Grazie alle sue caratteristiche e la sua ecletticità in pochi anni si è imposta pure nel mondo dello spettacolo, prima in tv  e poi al  cinena.
Ma è il 2013 che vede consolidata l’evoluzione artistica di Eva Riccobono, la quale grazie al ruolo di Simonetta nel film di Marco Ponti Passione Sinistra,  vince il Ciak d’Oro come miglior attrice non protagonista. Parallelamente ottiene una nomination ai Nastri d’Argento nella stessa categoria. Sempre nel 2013 è interprete del film di Luigi Cecinelli Niente può fermarci, pellicola che affronta il tema della paura verso il futuro da parte del mondo giovanile, in chiave di commedia scacciapensieri. Infine, ha da poco ultimato le riprese del nuovo film di Renato De Maria, La vita oscena, tratto dall’omonimo romanzo di Aldo Nove.

Sebastiano Di Mauro
6 luglio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook