Negli affreschi delle Ultime Cene eseguiti dal Trecento al Cinquecento in Veneto, Trentino, Friuli, ma anche lungo tutta la dorsale alpina, sono presenti i gamberi rossi di fiume. Erano un cibo apprezzato dai popolani settentrionali, ma nei dipinti sacri acquistano una valenza simbolica: rappresentano l’eresia e il peccato per via del loro camminare all’indietro e quindi esprimono il deviare dalla retta via. Gli artisti che li hanno inseriti nelle Ultime Cene hanno però commesso un errore perché Gesù e gli Apostoli erano ebrei praticanti, ai quali era proibito cibarsi di pesci privi di lische e squame. Ultima Cena di scuola giottesca nel Santuario dei Santi Vittore e Corona ad Anzù (Feltre – Belluno) – foto di Cinzia Albertoni

Negli affreschi delle Ultime Cene eseguiti dal Trecento al Cinquecento in Veneto, Trentino, Friuli, ma anche lungo tutta la dorsale alpina, sono presenti i gamberi rossi di fiume. Erano un cibo apprezzato dai popolani settentrionali, ma nei dipinti sacri acquistano una valenza simbolica: rappresentano l’eresia e il peccato per via del loro camminare all’indietro e quindi esprimono il deviare dalla retta via. Gli artisti che li hanno inseriti nelle Ultime Cene hanno però commesso un errore perché Gesù e gli Apostoli erano ebrei praticanti, ai quali era proibito cibarsi di pesci privi di lische e squame. Ultima Cena di scuola giottesca nel Santuario dei Santi Vittore e Corona ad Anzù (Feltre – Belluno) – foto di Cinzia Albertoni

Negli affreschi delle Ultime Cene eseguiti dal Trecento al Cinquecento in Veneto, Trentino, Friuli, ma anche lungo tutta la dorsale alpina, sono presenti i gamberi rossi di fiume. Erano un cibo apprezzato dai popolani settentrionali, ma nei dipinti sacri acquistano una valenza simbolica: rappresentano l’eresia e il peccato per via del loro camminare all’indietro e quindi esprimono il deviare dalla retta via. Gli artisti che li hanno inseriti nelle Ultime Cene hanno però commesso un errore perché Gesù e gli Apostoli erano ebrei praticanti, ai quali era proibito cibarsi di pesci privi di lische e squame. Ultima Cena di scuola giottesca nel Santuario dei Santi Vittore e Corona ad Anzù (Feltre – Belluno) – foto di Cinzia Albertoni

Filed in:
Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook