Al Teatro Oscar, Re Lear di William Shakespeare, caledoscopio di sentimenti e passioni

Al Teatro Oscar, Re Lear di William Shakespeare, caledoscopio di sentimenti e passioni

Re_LearPacta dei Teatri presenta al Teatro Oscar di Milano, Re Lear, di William Shakespeare, dal 5 al 21 aprile 2013. La regia è di Riccardo Magherini anche attore insieme a Francesco Paolo Cosenza, Maria Eugenia D’Aquino, Annig Raimondi e Antonio Rosti.
È la storia del re di Britannia, raccontata da cinque attori narratori che entrano nelle vite di re Lear e delle persone che gli sono intorno. Il re è vecchio e stanco e decide di lasciare il suo regno alle tre figlie in modo proporzionale alle parole di affetto che esse sapranno esprimere. È un eccesso di superbia sulla bocca si, di un uomo vecchio, ma che sicuramente già prima si faceva forte solo del suo potere, metro unico per misurare il mondo. Le figlie Goneril e Regan assaporando già il futuro potere, assecondano il padre, prostrandosi a parole ai suoi piedi. L’unica che non si abbassa è la figlia Cordelia, che pure nutre per il padre un sentimento vero. Re Lear però non lo sa vedere e si sente offeso dal silenzio della figlia che per questo è cacciata e diseredata. Da questo momento il mondo non sarà più in ordine. Variabili impazzite cambiano l’ordine precostituito. I giovani non accettano più la tirannia dei vecchi. Anche la natura si rivolta quasi fosse, con la sua volubilità, immagine di un dio capriccioso e un po’ crudele. Le figlie, una volta impossessatesi della corona, abbandonano il vecchio re a solitudine e povertà.
Accanto al dramma di Re Lear si costruisce parallelamente quello del conte di Gloucester, che prova pietà per il vecchio re, ma che per questo sarà tradito dal figlio illegittimo Edmund che ha preso nutrimento malefico dalla clandestinità dalla passione e vuole impossessarsi del regno del padre. Arriva per questo anche a tradire il fratello che costretto a fuggire, si trasforma in mendicante pazzo per sottrarre al suicidio il padre fatto accecare da Edmund. Anche re Lear avrà come compagno nella mala sorte solo il matto, il buffone di corte, quasi che la follia sia l’unica arma contro questa vita disperata, capace di far perdere coscienza al dolore.
Riccardo Magherini porta sul palco dell’Oscar il turbinio dei sentimenti umani racchiusi in questa tragedia sempre attuale:l’angoscia e la solitudine, la disperazione e la follia, il senso del vuoto, dell’illusorietà, della precarietà della vita.

Raffaella Roversi
17 aprile 2013

INFO:
Teatro Oscar,Via Lattanzio 58, 20137 Milano
tel: 02.36503740 www.pacta.org – [email protected] [email protected]
Orari spettacoli: mart-sab 21 | dom ore 17
Costo biglietti: Intero €24 | Ridotto e Convenzioni €18 | Under 25/Over 60 €12 | CRAL e gruppi €10 (min 10 persone) | Prevendita €1,50
abbonamenti: Oscar 9 spettacoli 80,00€ – card amici di pacta 5 spettacoli a 55,00€ carta tandem, dedicata alle coppie, 2 ingressi a 2 spettacoli a 38,00€
Spettacolo inserito nell’abbonamento ‘Invito a Teatro’

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook