Anna Mazzamauro in Nuda e Cruda: tra risate ed emozioni, l’attrice si racconta sul palco senza filtri

Anna Mazzamauro in Nuda e Cruda: tra risate ed emozioni, l’attrice si racconta sul palco senza filtri

Anna Mazzamauro in scena al Teatro Delfino di Milano con lo spettacolo “Nuda e Cruda”, un monologo con le musiche di Amedeo Minghi che attraversa la sua vita, i tabù e gli amori sbagliati.

Anna Mazzamauro è in scena al Teatro Delfino di Milano con lo spettacolo “Nuda e Cruda” con le musiche di Amedeo Minghi e la regia di Livio Galassi, prodotto da Stefano Mascagni e A.C.T.I Teatri Indipendenti, fino ad oggi 4 dicembre 2016. Il titolo non lascia all’immaginazione e si capisce subito che assisteremo ad uno spettacolo in cui si alterneranno momenti personali ed altri, più intensi, è proprio così è stato. In questa messa in scena, l’attrice celebre per il suo ruolo in Fantozzi, non si tiene una sola parola ed esorta il pubblico a spogliarsi da ogni tabù, dei ricordi cattivi e degli amori sbagliati. Con lei due musicisti, Sasà Calabrese e Andrea De Martino. La relazione che la Mazzamauro instaura subito con il pubblico è quella di un dialogo, e parla chiaramente ad ognuno dei presenti, attirando lo spettatore per 90 minuti senza far cadere mai l’interesse.

Uno spettacolo che riesce a centrare l’obiettivo, con un linguaggio ed una comicità capace di portare più volte alla risata, senza mai cadere nella volgarità. Anna Mazzamauro prima di tutto gioca sull’autoironia che diventa il filo di tutto quanto, sul suo essere “brutta”, in un ricorrente scambio di battute con il pubblico (e se stessa), per una confessione aperta e senza filtri. Anna Mazzamauro tratta tutti i temi senza restare in superficie, per superare tabù e luoghi comuni che ancora, forse, non sono stati superati. L’attrice però non fa della comicità l’unico aspetto dello spettacolo, c’è ampio spazio all’emozione, con monologhi sulla violenza e sull’amore che mostrano a pieno la impeccabile recitazione di Anna Mazzamauro, su cui non c’era dubbi, ma apprezzarla dal vivo è qualcosa che vi consigliamo. Le musiche di Amedeo Minghi sono giuste, non invasive e accompagnano bene l’attrice nel suo racconto.
Sul palco si può apprezzare un’artista in tutta la sua completezza, c’è un’attrice che ha scritto un pezzo di storia del cinema e del teatro, che si affronta sul palco guardandosi e dando al pubblico un nuovo punto di vista.

Nuda e Cruda mostra l’Anna Mazzamauro di oggi, non più signora Silvani, ma sempre grande attrice.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook