Per favore niente eroi, di Corrado Accordino

Una piéce ricca di significato e originalità, in scena fino a domenica 17 febbraio, al Teatro Libero di Milano

Torna al Teatro Libero di Milano Corrado Accordino, con una pièce teatrale ispirata ai racconti di Raymond Carver; accanto al protagonista ci saranno Alessia Vicardi e Daniele Ornatelli.
Raymond Carver (1938-1988) viene considerato il capostipite del minimalismo letterario americano; l’arte di Carver si nutre delle proprie esperienze familiari: alcolismo, arresti e ricoveri.
I suoi racconti hanno per protagonisti individui umili; Carver è stato definito come «uno dei più grandi scrittori di racconti della letteratura americana di tutti i tempi sulla scia degli storici successi nello stesso genere di Hemingway, Fitzgerald e Faulkner».

Carver, attraverso la sua scrittura lineare indirizza il lettore verso quel poco di poesia che resta nelle piccole vite presentate nelle sue opere; dai ritratti dei suoi personaggi nasce una drammaturgia personalissima; come lui stesso afferma: .«… quando vivete un momento nella vostra vita che vi ha emozionato, un incontro che vi ha cambiato il modo di guardare le cose, o se sentite, semplicemente, ma nella maniera più profonda e intima, che qualcosa vi ha scosso, cercate di scoprire cos’è, quale azione, quali parole, quale sguardo vi ha emozionato. Quindi descrivete questo avvenimento, rendendolo il più possibile chiaro, semplice, accessibile, in modo che possa diventare parte dell’esperienza di tutti…».
Lo spettacolo presentato al Teatro Libero vuole mettere a nudo le verità e il punto di vista di questo grande scrittore: nello stesso tempo infatti, vengono presentati diversi personaggi ispirati ai suoi racconti.
I personaggi di Carver prendono vita tutti insieme: storie minimali che si sviluppano sul palco come in un film di Robert Altman, un grande regista che si ispirò proprio ai racconti e a una poesia di Carver per il suo capolavoro “America oggi” (1993).
Corrado Accordino, regista e protagonista afferma: «finito il tempo degli eroi, delle vite esemplari, delle prime pagine che impressionano, resta la vita di tutti i giorni. Nell’epoca dello svelamento, la finzione perde il suo potere immaginifico, la poesia è sciolta dalla sue regole, […] i reality sotto ogni forma d’espressione (performativa o mediatica) dettano le nuove leggi della curiosità e dell’ossessione. L’arte della narrativa, del cinema e anche del teatro, si soffermano a raccontare l’immediatezza della vita. L’ostinazione del tempo concreto vince sugli ideali del sognatore, le ambizioni vengono smentite, le aspettative disattese […] Senza risposta restano i personaggi di Carver, che vivono per vivere la loro meravigliosa e inquietante normalità».

Lucia Arezzo
7 febbraio 2013


Info:
PER FAVORE NIENTE EROI
ISPIRATO AI RACCONTI DI RAYMOND CARVER
con Corrado Accordino, Alessia Vicardi, Daniele Ornatelli
drammaturgia e regia Corrado Accordino
produzione La Danza Immobile
In scena fino a domenica 17 febbraio, ore 16.00
Teatro Libero
via Savona, 10 – Milano

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook