Jacopo Pelliccia, alias Spugna, si racconta in una video intervista esclusiva

In questi giorni nel capoluogo lombardo è stato in scena Peter Pan sul palco del Teatro Nuovo di Milano,  un classico del Musical che trasporta il pubblico nel mondo fantastico dell’Isola che non c’è. Tra i tanti personaggi ve ne presentiamo uno straordinariamente simpatico, Spugna, impersonato da un altrettanto simpatico quanto bravo attore, Jacopo Pelliccia, capace di dar vita al nostromo di Capitan Uncino, in maniera originale.
Le spiccate qualità attorali di questo artista danno al suo personaggio un  carattere che suscita nel pubblico una spontanea simpatia e, nonostante egli faccia parte della ciurma dei cattivi marinai capitanati dal terribile Uncino, ogni sera è applauditissimo.
Jacopo Pelliccia  nasce a Roma nel 1981 e artisticamente inizia a formarsi fin dall’età di sette anni, grazie all’incontro con la concertista e insegnante di pianoforte Carla Fenzi. Nel ‘96 l’incontro con la regista americana Naima Perry (Living Theatre) lo spinge ad iniziare ed approfondire lo studio della recitazione; in seguito partecipa ai laboratori del teatro Colosseo di Roma per poi approdare ad uno studio più approfondito della parola teatrale con Paolo Giuranna e del corpo in movimento con Mamadou Dioume.
Nel 2004 si diploma alla Musical Theatre Academy di Roma, vincendo nello stesso anno una borsa di studio presso la Guildford School of Acting in Inghilterra.

Lavora con Roberto Guicciardini, Saverio Marconi, Massimo Natale, Massimo Romeo Piparo, Bruno Fornasari, Danilo Nigrelli e Daniele Muratore. E’ Alfred in “Happy Days”, Mr. Sheinkopf in “Fame”, Max in “Notting Hill”, Conte Ugolino “In Viaggio con Dante”, Creonte in “Medea”, Reverendo Parris ne “Il Crogiuolo”, Harry in “Company”, Claude in “Hair”.
In tv partecipa alle trasmissioni “Capodanno Cinque”, “Pomeriggio Cinque”, “La Fabbrica del Musical” (Rai Futura) e “Garda che…Musical” su Raidue. Nel 2008 in collaborazione con Rtl e Radio Luiss conduce il programma radiofonico “Radio America”.
Dal 2007, al mestiere d’attore affianca quello di regista debuttando presso il teatro Sette di Roma con il musical “The American Dream” e presso il teatro Argot con il monologo “Scampoli” di Alessia Sorvillo. Svolge poi attività di traduzione e adattamento per “Tiergartenstrasse: un giardino per Ofelia” per il Festival Internazionale di Benevento (prod. Accademia d’arte drammatica “Silvio D’Amico”) e per le liriche del musical “Zanna Don’t” presso il Teatro Sala Uno di Roma.
Jacopo Pelliccia dunque un artista completo che, sia pure ancora giovane, è però sicuramente pronto per assumere altri ruoli più importanti.
Lo possiamo vedere in questa video-intervista esclusiva, dove ci  racconta  il personaggio di Spugna e quali siano i suoi progetti.
Insieme alle sue dichiarazioni vengono proposte alcune immagini del Musical, grazie all’amica Silvia Arosio di  dietrolequinte.blogosfere.it 

Sebastiano Di Mauro
14 gennaio 2013

Riprese e montaggio video di:
Angelo Antonio Messina

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook