One man show al Teatro Ghione: Pino Insegno ci porta dentro la tv

One man show al Teatro Ghione: Pino Insegno ci porta dentro la tv

Un uomo, annoiato, in pantofole e vestaglia si siede in poltrona per guardare la televisione. La moglie sta dormendo e lui avrebbe voglia di guardare un programma interessante ma, pur facendo un frenetico zapping, non riesce a trovare qualcosa che lo soddisfi. Alla fine si addormenta entrando in un sogno che lo porterà in un viaggio a ritroso nella televisione degli anni sessanta e settanta quando questa era un momento di aggregazione familiare e non solo un passatempo.

Una voce fuori campo, interpretata da Massimo Lopez, guida il personaggio, incredulo, fin dentro il tubo catodico ed il pubblico, specie quello over 50, viene rimandato ad un passato televisivo commovente.

Pino Insegno mostra tutte le sue doti di attore, comico e intrattenitore. Coadiuvato dalle splendide voci del quartetto dei Baraonna, riesce ad emozionare il pubblico con un viaggio nel passato della televisione, a far ridere in maniera incontrollabile, a coinvolgere con fantastiche parodie. Canta, balla e recita a braccio con la disinvoltura di un attore consumato.

Entra addirittura nello schermo del passato, con degli effetti speciali, a fianco di Walter Chiari e di Gino Bramieri raccontando barzellette. Balla il tuca tuca con Raffaella Carrà. Passa poi a confrontare le fiction di oggi con quelle di ieri, facendo sbellicare il pubblico, coinvolto come il “condominio” del suo palazzo, prendendosela poi con i film di oggi e di ieri.

Canta con Renato Rascel, recita con Marcello Mastroianni e Massimo Troisi e racconta episodi personali della sua vita di ragazzo che sono poi anche i nostri.

I Baraonna, Vito e Delio Caporale, Eleonora Tosto e Daphne Nisi, incantano con le loro voci ed accompagnano Insegno nel viaggio incantato, la splendida e sensuale ballerina Valentina Varone fa muovere il protagonista al ritmo di melodie antiche.

Uno spettacolo godibilissimo, per i “grandi” che ricordano quei tempi ma anche per i più giovani che partecipano con lo stesso entusiasmo a quella tv in bianco e nero che non hanno vissuto.

“C’ERA UNA VOLTA…SIGNORE E SIGNORI BUONASERA” – Roma Teatro Ghione repliche fino al 17 aprile.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook