Uno sguardo dal ponte, istantanea sull’immigrazione nella New-York anni ’50

Uno sguardo dal ponte, istantanea sull’immigrazione nella New-York anni ’50

Da mercoledì 3 a domenica 14 febbraio 2016 al Teatro Carcano di Milano, Sebastiano Somma è l’immigrato Eddie Carbone in Uno Sguardo Dal Ponte, una pièce del 1955 attualissima, tagliente, profonda come lo sono tutte quelle scritte dal drammaturgo americano Arthur Miller. La colonna sonora è firmata da Pino Donaggi.

La bella regia di Enrico Maria Lamanna, ha ricostruito la “narrazione a tempo” delineata da Miller, che appare come una cronaca di una tragedia annunciata. Un ticchettio insistente di un orologio, che si ode a tratti, ce lo ricorda. Sulla scena, curata da Massimiliano Nocente, appare inizialmente una gigantografia del ponte newyorkese per eccellenza, il ponte che separa la ricca Manhattan dai quartieri poveri e pieni di immigrati di Brooklin. É in questi che si svolge la storia di Eddie Carbone, un immigrato italiano che lavora al porto. Vive con la moglie e la figlioccia, allevata come una figlia dopo la morte della cognata. Ora Catherine ha diciotto anni e si appresta ad aprire le ali. Ma Eddie vive male questa fase. La scena si svolge quasi interamente nell’interno del loro appartamento, disposto come un ring leggermente rialzato rispetto al palco, dove si combattono, come due avversari, le pulsioni contrastanti di Eddie, sanguigno e morbosamente innamorato della nipote forse anche perchè la ragazza sembra avere la fiducia, la speranza, la forza per riuscire ad attraversare il ponte ed ad andare incontro al sogno americano, quello che lui, non è riuscito ad abbracciare. L’arrivo di due cugini clandestini dalla Sicilia, accelera il compimento della tragedia; infatti il più giovane dei due, si innamora, ricambiato, della figliastra. Lo spettacolo è da non perdere, intenso e poliedrico, adatto anche a studenti delle superiori. La regia rispetta l’idea di Miller che racconta, da tanti punti di vista, senza giudizio, un avvenimento realmente accaduto. Anzi, per dare allo spettatore la distanza emotiva necessaria ad esprimere una propria idea, c’è anche un personaggio narrante, l’avvocato della povera gente. Bravi tutti gli attori. Sullo sfondo, i problemi della legge sull’immigrazione, attualissimi più che mai, i legami nostalgici con la Sicilia, terra di origine, rigogliosa e rancorosa e il difficile inserimento, da parte di Eddie, in una società moderna di cui si fatica a comprendere anche la legge.

Teatro Carcano, corso di Porta Romana 63, Milano

martedì, mercoledì, giovedì e sabato ore 20,30 – venerdì ore 19,30 – domenica ore 16 poltronissima € 34- balconata € 25 – Over 65 € 22/18/17/14,50

Under 26 € 15/€ 13,50

Info E Prenotazioni Telefoniche 02 55181377 – 02 55181362

[email protected]

Sebastiano Somma

UNO SGUARDO DAL PONTE

di Arthur Miller – Traduzione Masolino D’Amico

Con Edoardo Coen, Andrea Galatà, Cecilia Guzzardi, Matteo Mauriello, Roberto Negri, Sara Ricci, Antonio Tallura

Musiche Pino Donaggio

Scene Massimiliano Nocente – Costumi Ilaria Carannante – Disegno luci Stefano Pirandello

Regia Enrico Maria Lamanna

Produzione I Due della Città del Sole

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook