Il Marchese del Grillo è tornato

Il Marchese del Grillo è tornato

Il nobile burlone rivive grazie alla penna di un regista d’eccezione e grazie all’interpretazione di un romano doc. Per Enrico Montesano sarà un grande debutto. 

Il Marchese del Grillo, versione Commedia Musicale, porta la firma di Massimo Romeo Piparo. E sarà sul palco del suo Sistina dal prossimo 9 dicembre.

Nella trasposizione della sceneggiatura dal film di Mario Monicelli, diventato ormai un vero e proprio “cult”, alla versione da palcoscenico, il regista si attiene alla stesura del Maestro ma condisce la scrittura con le canzoni romane di Emanuele Friello. “Una commedia che fa ridere, che fa tanto ridere – Piparo in conferenza stampa – ed è quello che serve in questo momento storico particolare.

In questa “prima” versione teatrale musicale ma soprattutto popolare troviamo il mattatore Enrico Montesano nei panni del Marchese Onofrio del Grillo. Montesano non ha paura di reggere il confronto con Albertone che nella pellicola del 1981 ha interpretato questo nobile burlone. “In fondo sono abituato. Avevo Nino Manfredi in platea quando debuttati con il Rugantino, figuratevi la striza!”

Il finale riserverà qualche sorpresa. Sarà forse stravolto rispetto al film che, come tutti sappiamo, si chiudeva con una battuta. Pur apportando piccoli cambiamenti e pur stravolgendo in parte il copione, sia il regista che il protagonista principale dichiarano di aver avuto un approccio di grande rispetto e grande umiltà nei confronti della storica commedia romana.

Valore aggiunto è la figura del servitore Ricciotto, interpretato dallo stesso Giorgio Gobbi che oltre ad elogiare la verve recitative di Montesano ammette di aver ritrovato sul palcoscenico lo stesso clima di gioia e di divertimento che c’era sul set di Monicelli.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook