Omaggio A Emanuele Severino al Teatro Franco Parenti

Omaggio A Emanuele Severino al Teatro Franco Parenti

Nella fucina del teatro Franco Parenti di Milano, tra cinema, laboratori, eventi, musica, teatro (anche per ragazzi), lunedì 30 novembre 2015, c’è stato anche l’angolo filosofico. In realtà, non era affatto un piccolo spazio, ma la sala grande ad essere completamente riempita dal pubblico trasversale che questo teatro milanese raccoglie attorno a sé a seconda delle sue iniziative. Lunedi si è trattato di un omaggio al pensiero del nostro più grande filosofo, Emanuele Severino, in occasione della pubblicazione da parte di Adelphi della sua opera omnia; studenti di filosofia, amanti di questa disciplina, professori, intellettuali, curiosi onnivori erano presenti alla discussione sul pensiero di questo gigante della filosofica, l’unico forse che si possa contrapporre ad Heidegger.
E proprio con una tesi su Heidegger e la metafisica, Severino, nato a Brescia nel 1929, si laurea all’università di Pavia nel 1950. Un anno dopo ottiene la libera docenza in filosofia teoretica. Dal 1954 al 1969 insegna filosofia a Milano, all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Ma il suo pensiero entra in forte conflitto con la dottrina ecclesiastica e nel 1969, la Chiesa proclama l’incompatibilità tra il cristianesimo ed il pensiero del filosofo. Infatti per Severino ogni ente è eterno; quindi, non essendoci né creazione né distruzione, non può esistere il Dio comunemente inteso e ogni ente, anche il più insignificante, acquista un significato inaudito. Nel suo ultimo libro, Dike, giustizia in greco antico, il filosofo indaga sulle radici del suo significato, che legano questa parola ad un concetto di stabilità. Per Aristotele è infatti il principio più stabile. A discutere di questi concetti, per la verità un po’ ostici a molti, c’erano, sul palco del parenti, i filosofi Massimo Cacciari e Carlo Sini, il giornalista Antonio Gnoli (coordina) e lo stesso Emanuele Severino.

Teatro Franco Parenti
Via Pier Lombardo, 14 – 20135 Milano
biglietteria 02/59995206
[email protected]

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook