L’intrattabile Caterina: la Bisbetica Domata di William Shakespeare messa alla prova

L’intrattabile Caterina: la Bisbetica Domata di William Shakespeare messa alla prova
????????????????????????????????????

Reduce dai successi estivi del’Estate Teatrale Veronese va in scena al Teatro Quirino un classico senza tempo: la Bisbetica Domata di William Shakespeare.

The Taming of the Shrew, il suo titolo originale, narra la storia di Petruccio, un avventuriero veronese che, attirato dalla sua dote, sposa e, appunto, doma Caterina di Padova, figlia maggiore di Battista Minola un gentiluomo di Padova che decide di allontanare la figlia minore, Bianca, contesa da più partiti, finchè Caterina non avrà trovato marito.

La regia della commedia è affidata a Cristina Pezzoli che prova ad approfondire, in chiave femminile, i rapporti tra uomo e donna.

Lo stesso Shakespeare è sensibile nei confronti del ruolo della donna del suo tempo analizzando con abilità la psicologia femminile ed ironizza sui conflitti interiori di una moglie domata dal matrimonio.

Il cast, capeggiato da Nancy Brilli nei panni di Caterina, vede tra gli altri Matteo Cremon nel ruolo di Petruccio e Brenda Lodigiani in quello di Bianca.

Lo spettacolo è ricco di momenti comici e l’immediatezza del linguaggio musicale si sposa con i gusti anche di un pubblico giovanissimo grazie ad una messa in scena originale e di grande impatto visivo.

Le scene sono firmate da Giacomo Andrico, i costumi di Nicoletta Ercole realizzati dalla Sartoria Tirelli e le luci di Massimo Consoli. Le musiche originali sono di Alessandro Nidi che ha arrangiato alcune canzoni cantate dal vivo dagli attori, alcune estrapolate da Kiss me Kate il musical di Cole Porter tratto dalla commedia.

Ci sono tutti gli ingredienti perché lo spettacolo possa avere un grande successo di pubblico e di critica, quindi l’invito è di godersi una delle commedie più rappresentate di sempre.

La Bisbetica Domata di William Shakeaspeare messa alla prova – Teatro Quirino di Roma dal 1 al 20 dicembre 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook