Caos (remix): il sempreverde e sempre bagnato spettacolo di Quelli di Grock

C’era una volta un signore che aveva la chiave della porta di casa sul comodino, il comodino era nella stanza da letto, la stanza da letto nella casa. Il signore prendeva la chiave della porta di casa in mano, arrivava alla porta di casa e là……si fermava. Si fermava perché oltre la porta di casa c’era la strada, la città, il mondo con tutto il suo disagio, con la monotonia dei gesti, le paure. Ma il vuoto di fuori deve essere riempito, non con le parole ormai usurate dall’alienazione, ma con la curiosità, la coralità, l’energia vitale, il movimento.

Cosi nasceva, più di 20 anni fa, lo spettacolo danza di Quelli di Grock che univa danza , musica e suggestioni – sperimentazioni teatrali. Oggi lo spettacolo è stato “remixato” dalla nuova generazione di attori della stessa compagnia e ne segna proprio un passaggio del timone. La scena, priva di orpelli decorativi, è riempita solo da pannelli verticali cangianti che si inclinano, si capovolgono, vengono posti in orizzontale dai movimenti esperti degli attori-ballerini, che giocano con i piani, con le scale, con le sedie, con le scarpe. Giocano con la vita, fino ad immergersi in essa, a nuotarci, a schizzarsi, rinfrescarsi con essa.

La vita diventa metaforicamente l’acqua che essi portano in scena, la liquidità pura, inarrestabile, incontenibile, sfuggente. Non deve far paura la consapevolezza di non poterla cristallizzare, arrestare, consolidare. Deve riempire di piacere il fatto di toccarla, anche se per un istante, per essere bagnati dalla vita. Per vivere.

Spettacolo cult di Quelli di Grock con oltre mille repliche , tournè in Europa, Usa, Canada e Sud America. La regia è di Claudio Intropido e Valeria Cavalli che cura anche la coreografia insieme a Susanna Baccari. Da vedere al Teatro Leonardo di Milano sino al 10 giugno.

Teatro Leonardo, Via Ampère 1 angolo Pzza Leonardo da Vinci, Milano.
02-26681166 [email protected], www.teatroleonardo.it

Raffaella Roversi
24 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook