“Bagnati”, la scomoda commedia omosessuale al Libero di Milano

“Bagnati”, la scomoda commedia omosessuale al Libero di Milano

Bagnati-ris-media-1024x705
“Bagnati” di Tobia Rossi e Manuel Renga, in scena fino al 15 giugno al Teatro Libero di Milano

Interpretato da un cast che vanta esperienze di rilievo sulla scena nazionale, Bagnati è un testo divertente ed emozionante, che sa ben affrontare tematiche scomode con leggerezza e profondità e che andrà in scena fino al prossimo 15 giugno 2015. Dopo il successo di Portami in un posto carino, Assassine e La mia massa muscolare magra,  l’ormai consolidato duo artistico Tobia Rossi-Manuel Renga torna al Teatro Libero di Milano per affrontare il tema della sessualità e scoperta di sé con un racconto in grado di toccare gli argomenti più delicati con una sottile ed elegante ironia, volta a sdrammatizzare quelle problematiche sociali, spesso lasciate soffocate, prigioniere dei “lampioni”.

È dentro e fuori la piscina di casa Dazeri che il tutto si svolge. Tra bagnato e asciutto, sul terrazzo di una famiglia per metà ricca. Luogo di sfoghi, pianti, confessioni e incontri, laddove l’amore non è una cosa semplice. Col riso e col pianto, tra un incontro e uno scontro, è la storia estiva che racconta della solitudine di una famiglia che deve scoprirsi, dove ognuno è intrappolato nei propri tormenti e ha la difficoltà di aprirsi con l’altro. È il racconto del terrore di sfociare nella povertà, del fallimento economico-sociale e di essere derisi dagli altri.

Bagnati non è solo una semplice commedia, ma un vero e proprio percorso di riflessione sulla società odierna, vittima delle apparenze e degli schemi mentali. Lo spettacolo, infatti, ci presenta una movida milanese che va oltre, che non è come appare agli occhi dei passanti, ma che trascina con sé problematiche che fanno sentire il loro peso. Cosa si nasconde dietro una Milano targata Expo, elegante e colorata? A volte, una grigia realtà, che ha bisogno di essere liberata. Proprio come la storia d’amore dei due protagonisti del racconto, l’adolescente Ludo Dazeri e Daniel, figlio della colf romena, che vengono sorpresi durante una festa in bagno intenti in un momento di pissing: una pratica sessuale che è apparentemente depravata, ma che messa in atto da due innamorati. Ma ad amarsi sono due omosessuali, il che rende tutto più difficile «in una società in cui non c’è concesso». La relazione fra i due, infatti, è fonte di forte imbarazzo e vergogna per i Dazeri, che lottano per tenere tutto segreto e che non ne comprendono il motivo, il senso di questa “vergognosa perversione”, nella quale (secondo loro) è il figlio a subire e ad essere “dominato” dallo straniero, un inferiore che invece di restare al proprio posto scompagina la piramide sociale di casa.
Per capirne di più, Guido e Fiamma, genitori di Ludo, iniziano ad affacciarsi sulla vita privata del figlio, che forse non hanno mai guardato da vicino, arrivando a mettere in discussione anche la loro intimità e il loro rapporto col corpo e la sessualità. Si tratta, dunque, di un pretesto per iniziare un percorso di esplorazione famigliare, che accenderà pensieri nostalgici e lasciati, da troppo tempo, nel dimenticatoio.

Lo spettacolo è anche uno spunto di riflessione sul ruolo dell’essere genitori, di cosa sia giusto o sbagliato tramandare ai nostri figli. Esiste un “modo giusto” per affrontare l’educazione sessuale? Fino a dove è opportuno assecondare l’istinto e dove invece questo va contenuto, arginato, per sopravvivere ed essere riconosciuti socialmente?

Teatro Libero
Via Savona, 10 – Milano

BIGLIETTERIA
PREZZI BIGLIETTI
Intero € 21,00
Ridotto under26 e over60 € 15,00
Allievi Teatri Possibili con TPCard € 10,00
Allievi altre scuole di teatro € 13,00
Prevendita € 1,50

ORARIO SPETTACOLI

Da lunedì a domenica ore 21.00
riposo 14 giugno

ORARI BIGLIETTERIA

Da lunedì a venerdì dalle 15.00 alle 19.00
Nei giorni di spettacolo: 
da lunedì a venerdì fino alle 21.30
Sabato e domenica dalle 19.00 alle 21.30

CONTATTI
02 8323126
[email protected]

ACQUISTI ONLINE
www.teatrolibero.it

Sonia Carrera
12 giugno 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook