Mario Castelnuovo “scalda” lo Zelig di Milano con “Lezioni di incendio”

Mario Castelnuovo “scalda” lo Zelig di Milano con “Lezioni di incendio”
Mario Castelnuovo in Lezioni di Incendio

Mario Castelnuovo in Lezioni di Incendio
Mario Castelnuovo in Lezioni di Incendio

Lo spettacolo di Mario Castelnuovo, allo Zelig Cabaret lo scorso 27 aprile, è stato incentrato sui 12 brani di “Musica per un incendio”, il suo ultimo album.

Dopo la splendida accoglienza del pubblico, che ha confermato la stima e l’affetto di cui Castelnuovo gode ormai da tanti anni, i brani si sono susseguiti intervallati da commenti frutto dell’occhio attento su fatti socio culturali; la tenerezza e l’appartenenza scaturivano da aneddoti sulla sua infanzia e sul suo passato artistico e famigliare, coinvolgendo tutto il pubblico in sala.
Tra i brani: “NINA”, ambientato nel periodo della 2°guerra mondiale, durante la quale i genitori di Castelnuovo si conoscono. “CANTO DELLA POVERA GENTE”, dai toni ironici ma sofferti, tipici di chi con forza aspetta il riscatto dei giusti.
“SANTA MARIA DELLE CARAMELLE”, dedicato agli Artisti, quelli veri, che per definizione vivono con la sensibilità dei bambini e dei vecchi, spesso soli nella loro fragilità. Certo in contrasto con l’immagine potentemente mediatica di chi oggi diventa artista quasi senza coscienza, travolto dagli eventi fortunati in cui si trova coinvolto.
“A CERALDO FA FREDDO” è una bella dedica ai poeti Boccaccio e Petrarca.
Mario Castelnuovo colpisce subito con la sua semplicità e genuinità, evidenti nelle scelte stilistiche, sia autorali che compositive. I suoi brani sono poesie cantate, tradotte in musica con la sapienza di un tocco carico di grande emozione, che pochi sanno trasmettere. ‘Musica per un incendio’ è un album che nasce dall’anima per giungere ad anime affini. Ti avvolge e ti accompagna in una sorta di viaggio mistico, in cui il piacere dei sensi coincide, per una volta, con la grande musica d’autore.

Violetta Serreli
30 aprile 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook