Arturo Brachetti: magia e trasformismo al Sistina con il suo show “Brachetti che sorpresa!”

Arturo Brachetti: magia e trasformismo al Sistina con il suo show “Brachetti che sorpresa!”

brachettiDopo il successone delle prime settanta date sparse su e giù per lo stivale finalmente “il ciuffo più famoso d’Italia” arriva al teatro Sistina di Roma. Lo spettacolo di Brachetti inizia con il duo Luca & Tino travestiti da maschere di sala che, in attesa del vero inizio dello show, divertono e rendono partecipe il pubblico con un breve siparietto. Lo spettacolo vero e proprio inizia con l’arrivo di Arturo in un posto tanto affascinante quanto misterioso, il trasformista piemontese è alle prese con la ricerca della sua valigia rossa, fortunatamente Arturo sarà aiutato dal suo alter ego 328328, interpretato da Kevin Micheal Moore.

Il filone narrativo dello spettacolo è accompagnato dalla magia del giovane prodigio Luca Bono che, nonostante la giovane età (classe ’92 ed anche lui piemontese), si dimostra già pronto per i palcoscenici importanti, dall’ironia immediata del duo Luca & Tino e dalla figura tanto magica quanto imprevedibile di Francesco Scimemi.

La ricerca della famosa valigia rossa catapulta Brachetti in una sorta di vero e proprio videogame diviso a livelli e durante il suo iter l’artista piemontese gioca la sua carta migliore, in un batter d’occhio cambia vestiti e anima ad i suoi personaggi per la gioia sia del pubblico più giovane che di quello adulto a dimostrazione che “Brachetti che sorpresa!” è davvero uno spettacolo per tutte le età.

Oltre al trasformismo e alla magia, nella parte finale dello spettacolo Arturo Brachetti aggiunge quantità e qualità al suo show con performance di giochi di ombre e sand painting a coronare un spettacolo davvero degno di nota.

Per gli appassionati del genere è uno spettacolo da non perdere, c’è tempo fino al 26 aprile!

Redazione spettacolo

16 aprile 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook