La coscienza di Zeno spiegata al popolo

La coscienza di Zeno spiegata al popolo

La-coscienza-di-Zeno-spiegata-al-popoloSpettacolo umoristico che spiega il pensiero Sveviano attraverso scorci della sua più celebre opera.

“La vita non è né brutta né bella, ma è originale!”
Questo è lo spirito della ironica e spregiudicata operazione di rilettura de La coscienza di Zeno. Uno spettacolo in forma di happening, diverso ad ogni replica, shakerato e servito da Paolo Rossi e dalla Compagnia del Pupkin Kabarett, ovvero Laura Bussani, Stefano Dongetti e Alessandro Mizzi.
Solo loro, forse, potevano cimentarsi nell’impresa di mescolare il vecchio e il nuovo e di unire jazz, blues, pop e il rock alla letteratura e al cabaret per farci rivivere gli anni in cui un pugno di uomini si ritrovò a scrivere la letteratura più moderna del proprio tempo da Trieste, provincia multietnica e multiculturale dell’Impero Asburgico, crogiuolo di razze ma soprattutto crogiuolo di loschi traffici, di psicanalisi e avanguardie artistiche, di sedute spiritiche e di irripetibili flussi di coscienza in osterie e bordelli del porto.
Preparatevi quindi ad un entusiasmante viaggio pop nelle scandalose pagine di James Joyce, nella poesia e nel cinico umorismo di Umberto Saba e in quell’irresistibile e ironicissimo vademecum delle nevrosi dell’uomo moderno che è La coscienza di Zeno di Italo Svevo.
Attori e musicisti sul palco e Paolino “Little King” Rossi in cabina di regia saranno le vostre guide in un elettrizzante e provocatorio itinerario tra cultura alta e cultura bassa, tra mito e realtà, in cui sarà sempre consigliabile perdere la rotta con scanzonata spregiudicatezza.

Da notare la nota del questionario pre spettacolo consegnato in biglietteria, che verifica la conoscenza dell’opera Sveviana, con scopo ultimo il canzonare il pubblico sulle conoscenze possedute in merito.

Compagnia scoppiettante e originale, consigliato.

La scheda dello spettacolo:

16 – 26 OTTOBRE 2014
Bonawentura – Teatro Miela, Il Rossetti – Teatro Stabile FVG
di Stefano Dongetti con la collaborazione di Riccardo Cepach, Alessandro Mizzi, Paolo Rossi
regia Paolo Rossi
con Laura Bussani, Stefano Dongetti, Alessandro Mizzi
musiche Riccardo Morpurgo (piano), Franco Trisciuzzi (chitarra)
scene e attrezzeria Fabrizio Comel
luci Willy Rossetti
con la collaborazione di La Corte Ospitale, Museo Sveviano del Comune di Trieste

INFORMAZIONI
Sala Teatro Litta – Repliche: da martedì al sabato ore 20:30 – domenica ore 16:30 – lunedì riposo – Durata: 105’ – Biglietti: intero €21, ridotti €11/15 – Abbonamento: Lunati

BIGLIETTERIA
C.so Magenta 24, Milano
da lunedì/sabato dalle 18.00/20.00 02.86.45.45.45
– informazioni e prenotazioni telefoniche da lunedì a sabato dalle 14.30 alle 19.30
– prenotazione mail: [email protected]

– prevendita online: biglietti e abbonamenti sono acquistabili sul sito e nei punti vendita Vivaticket

Fabio Colucci
23 ottobre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook