Teatro Sistina, Baudo e Montesano protagonisti di mezzo secolo di successi del Teatro Stabile della Commedia Musicale italiana

Teatro Sistina, Baudo e Montesano protagonisti di mezzo secolo di successi del Teatro Stabile della Commedia Musicale italiana

locandina SISSTORY140x200Una conferenza stampa all’insegna dell’allegria e della buona compagnia quella che il Teatro Sistina ha organizzato in vista del debutto di uno degli spettacoli di punta della sua stagione teatrale, “Sistina Story”, che da sabato 4 a domenica 19 ottobre vedrà Pippo Baudo ed Enrico Montesano calcare il palcoscenico del più amato teatro di Roma, l’unico Stabile della Commedia musicale italiana. «In qualità di Direttore, ho sentito il dovere morale oltre che artistico di dar vita a un tributo, un omaggio, un doveroso segno di gratitudine verso coloro che hanno reso grande e immortale questo palcoscenico sul quale sono nate centinaia di gloriose carriere». Parla così Massimo Romeo Piparo, direttore artistico del teatro Sistina nonché regista di numerosi musical esportati con successo anche all’estero. Ma cos’è “Sistina story”? Ce lo spiega lo stesso Piparo che di questo spettacolo ha curato regia e contenuti. «Questo progetto parte dal presupposto che un buon artista deve guardare al futuro, ma non può e non deve dimenticare il passato. L’ambientazione in bianco e nero che abbiamo voluto dare alla scena vuole omaggiare anche una tradizione televisiva degli anni d’oro del varietà televisivo quando teatro e televisione si scambiavano prodotti e creatività, tempi in cui soprattutto il Sistina offriva innumerevoli spunti e la televisione ne traeva tutta la linfa che poteva. L’impostazione è questa: una grande orchestra composta da venti elementi sul palco e diretta dal maestro Maurizio Abeni, collaboratore di Armando Trovajoli e testimone chiave di questo racconto; Pippo Baudo, un eccezionale narratore che da fuori vedeva, amava e raccontava il Sistina nella sua televisione; Enrico Montesano, un istrionico mattatore e un artista a tutto tondo che al Sistina ha donato tre decenni della sua carriera». “Sistina story” è quindi il racconto di una storia attraverso la musica, la storia del “teatro dei romani”, il più importante della Capitale, e un caleidoscopio di immagini, suoni e musiche di cinquant’anni di successi. «Con la certezza che il repertorio di Garinei e Giovannini continuerà a vivere rappresentato nella propria forma drammatica e in allestimenti che ne rispecchino l’integrità creativa a Roma come nel resto d’Italia, il nostro ‘juke box’ estrapola solo alcuni dei brani più famosi e li presenta in forma moderna e totalmente staccata dal contesto narrativo in cui siamo stati abituati a vederli rappresentati, a dimostrazione che anche il repertorio classico può essere letto con occhi contemporanei senza che ciò faccia perdere smalto e vigore». Visibilmente emozionati sono sembrati i due protagonisti di punta dello spettacolo. «Mentre Montesano, direttamente coinvolto nella storia del Sistina, racconterà aneddoti e piccoli retroscena vissuti in prima persona, Pippo Baudo farà da contraltare narrando tutto ciò che succedeva al di fuori del Sistina, gli anni d’oro del teatro, quelli in cui era una necessità per la gent, un imperativo quotidiano che oggi viene relegato solo ad una élite di coraggiosi appassionati» prosegue il direttore artistico. Ad accompagnare il collaudato duo saranno Sabrina Marciano e Valentina Spalletta, bravissime “prime donne” protagoniste anch’esse di numerose rappresentazioni al Sistina, e 18 performer che ballano e cantano dal vivo coreografati da Bill Goodson. Scene evocative di Teresa Caruso e costumi in bianco e nero di Cecilia Betona. Questo l’elenco dei brani che sentiremo durante la rappresentazione: “Aggiungi un posto a tavola”, “La ballata di Rugantino”, “Limelight”, “Smile”, “Merci beaucoup”, “Lo munno è fatto per noi”, “Buonanotte al mar”, “Piaceva alle donne”, “Hello dolly”, “Je parl romanesc aho”, “Na inoil mestiere del marito”, “Un bacio a mezzanotte”, “Abitare in una favola”, “Che bella luna c’era quella sera”, “Domenica è sempre domenica”.

“Un intreccio di tempo, di storia, di vita ma anche di tanta, tanta fantasia e poesia” vi aspetta dal 4 ottobre al Teatro Sistina.

Info e prenotazioni:

064200711

[email protected]

www.ticketone.it

www.boxtickets.it

Botteghino:               

Da lunedì a sabato 10.00-19.00 orario continuato

Domenica 11.00-19.00 orario continuato                                                                                                                    

                       

Eleonora La Rocca

3 ottobre 2014                                                    

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook