Io, Nessuno e Polifemo: al Teatro Parenti la splendida interpretazione di Emma Dante

Io, Nessuno e Polifemo: al Teatro Parenti la splendida interpretazione di Emma Dante

io-nessuno-e-polifemo-610X320-kXSG--400x320@MilanoAl Teatro Parenti di Milano s’inaugura lo spettacolo dal titolo: “Io, Nessuno e Polifemo”, a cura di Emma Dante. Il protagonista della vicenda interpretato da Carmine Maringola, ha il volto duro ed è vestito di grigio e bianco proprio come Ulisse ma con un atteggiamento differente, verso il rabbioso Polifemo.

Dante la regista e protagonista, interpreta invece un’intervistatrice che si pone in mezzo ai due personaggi; nell’opera teatrale è la parola che scandisce i ruoli degli attori; quella pronunciata da Dante è schietta mentre i due duellanti rispondono alle domande in dialetto napoletano.

Una novità essenziale per l’opera, la lingua: Ulisse parla questo dialetto poiché si considera il re dei furbi e quindi può parlare la lingua partenopea. L’impianto tecnico della pièce si snoda con un’alternanza di musica, danza a scene di soli dialoghi. Dante innalza uno spettacolo che utilizza l’arte, il movimento, la parola e la musica, per un effetto coreografico impeccabile; l’obiettivo della regista è di dimostrare come il Teatro possa rifarsi anche a tradizioni ma in un modo non convenzionale. La regista immagina un’intervista che viaggia metaforicamente all’interno della mente di Polifemo, Dante girovaga nei pensieri del protagonista ,“Io, Nessuno e Polifemo” rileva quindi l’idea che il teatro sia un luogo avvincente, di riflessioni e proposte. Dante lascia il palco ai due protagonisti che creano un vero e proprio show formato da coreografie, luci, suoni e danze; attraverso un balletto pop Ulisse esprime l’amore per Penelope, mentre il Ciclope con una triste danza rileva il suo essere solo un mangiatore di uomini.

La danza è protagonista indiscussa dell’opera grazie anche a tre ballerine: Federica Aloisio, Giusi Vicari, Viola Carinci, che introducono lo spettacolo con una ritmica coreografia. «Comme ’e creature vi facite cullà da rapsodie popolari, credendo ai mostri e agli eroi. Signò, io song sempre stato un essere pacifico, monòcolo, sì, ma armonioso, e le pecore, i montoni, i capretti non s’hanno mai appauràto ’i me»…. Afferma Polifemo un personaggio sicuramente inaspettato, ironico ed estroverso come un vero napoletano. “Io, Nessuno e Polifemo”, ha aperto la stagione del Teatro Franco Parenti di Milano; uno spettacolo-concerto che utilizza canto e danza, con l’ausilio di musica elettronica e canzoni dal vivo.

Una pièce teatrale da non perdere dove classico e moderno sono uniti in modo bilanciato e ironico, un lavoro artistico che annuncia una stagione ricca di successi per il Teatro Parenti.

Lucia Arezzo
27 settembre 2014

Info:
Teatro Franco Parenti
Via Pier Lombardo 14. Milano
Tel: 0259995206
“Io, nessuno e Polifemo”,
testo e regia di Emma Dante, anche
interprete con Carmine Maringola, Salvatore D’Onofrio e le danzatrici
Federica Aloisio, Giusi Vicari, Viola Carinci.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook