Brancaccio, dal 18 settembre approda “Dignità autonome di prostituzione”

Brancaccio, dal 18 settembre approda “Dignità autonome di prostituzione”

Brancaccio-Dignità-autonome--prostituzioneDal format di Betta Cianchini e Luciano Melchionna, dal 18 settembre il Teatro Brancaccio di Roma ospiterà “Dignità autonome di prostituzione”, un nuovo modo di concepire lo spettacolo per restituire “dignità” alla figura dell’attore e, al contempo, provocare in maniera frizzante e giocosa il pubblico riavvicinandolo al mestiere più antico del mondo. Con la partecipazione straordinaria di Antonella Elia, Fiordaliso, Francesco Montanari, Michela Andreozzi, Max Vado ed altri artisti che saranno protagonisti a sorpresa solo in alcune repliche, lo spettacolo “Dignità Autonome di Prostituzione” rappresenta un po’ la ‘Casa Chiusa’ dell’Arte.

I clienti/spettatori all’ingresso, con il biglietto, ritirano alcune banconote, moneta ‘locale’ del Postribolo. Con quelle e solo con quelle possono contrattare e ‘consumare’ le ‘prestazioni’ durante la serata. Gli artisti/prostituti, in vestaglia o giacca da camera, adescano o si lasciano adescare dagli spettatori/clienti e gli accordi sono completamente affidati alle parti.

Le cortigiane della Casa Chiusa possono scegliere di non vendersi e possono anche litigare tra di loro pur di accaparrarsi i clienti più ‘generosi’, i quali a loro volta possono decidere di lasciare anche una mancia dopo, sempre “se gli è piaciuto”.

Le ‘pillole di piacere teatrale’ sono monologhi classici o contemporanei (per lo più del Melchionna) della durata di 10/15 minuti circa e hanno luogo negli spazi più disparati come toilettes, uffici, camerini, bagni, sottopalco, automobile, ecc.

Le performance avvengono in contemporanea tra loro – solo su richiesta di uno spettatore e/o vari gruppi – durante tutta la serata, senza soluzione di continuità e gli

Attori decidono di concedersi anche più volte a sera, a seconda della loro resistenza.

«Ogni ‘pillola’ dovrà in qualche modo emozionare, far riflettere e divertire lo spettatore, laddove per divertimento si intenda “uno stupore nuovamente sollecitato” da un teatro che non è auto-celebrativo, ermetico o fine a se stesso ma prima di tutto magia e sogno».

INFO:
www.dignitaautonome.it
DATE E ORARI: 18-19-27-28-30 settembre 2014 h.21.00
1-2-3-4-5-7-8 ottobre 2014 h. 21.00
PREZZO BIGLIETTO prezzi da 28,00 a 15,00 euro

Eleonora La Rocca
17 settembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook