“Teatri di vetro”, ottava stagione per il festival

“Teatri di vetro”, ottava stagione per il festival

Teatri-di-vetro-ottava-stagione-festivalA Roma, dal 15 al 23 settembre 2014 si potrà assistere al Teatri di Vetro Festival esplora le specie contemporanee, una serie di incontri di teatro, musica, danza, arte performativa e processi di ricerca. La manifestazione ideata e realizzata da Triangolo Scaleno Teatro e con la direzione artistica di Roberta Nicolai, è giunta alla sua VIII edizione. Dallo spazio teatrale del Vascello all’ultimo pascolo metropolitano di Monte Cucco al Trullo, Teatri di vetro risponde alla multiforme creazione contemporanea e alla sua necessità di abitare i luoghi, creando un contesto sensibile, plurale e diffuso capace di coinvolgere la comunità artistica e cittadina. Teatri di vetro tenta di forzare i limiti del formato festival proponendosi come tempo e spazio di condivisione tra pratiche artistiche e città, come un’ opportunità di riflessione sul nostro presente e sulle pratiche della scena.

Nella sua struttura progettuale il festival è il momento di maggiorr visibilità di un articolato progetto annuale di diffusone e promozione della cultura scenica contemporanea attraverso un costante lavoro di networking in qualità di partner di diverse reti internazionali.

《Se si apre “La lista rossa della flora italiana”》,scrive Roberta Nicolai, direttore artistico di Teatri di vetro 《appaiono foto di fiori e piante magnifiche, rare, necessarie all’ ecosistema che l’azione dell’ uomo, il suo stile di vita e i suoi valori mettono seriamente a rischio di sopravvivenza. Constato che le condizioni della nostra flora sono drammaticamente simili a quelle di almeno tre generazioni di artisti》. L’italia possiede un’incredibile ricchezza artistica, molti giovani talenti che hanno voglia e capacità di dire qualcosa di nuovo e significativo. Potrà sembrare banale, ma la crescia di un artista non è semplice da seguire per diversi motivi. Come per le specie proette, i pericoli esterni sono innumerevoli: la concorrenza è feocissima e la completa libertà d’espressione spesso non è che un’utopia.

Ciò che il festival Teatri di vetro si pone come obiettivo è precisamente questo: dare fialmente la completa libertà di parola all’artista. Una enorme possibilità , ma anche una grande responsabilità, per gli autori innanzi tutto – a segnare un sentiero nel bosco sono proprio i limiti, gli ostscoli che impediscono il passaggio in alcune direzioni. Senza di essi può essere arduo scegliere e seguire il proprio percorso- , ma anche per chi si occupa di gestirli e di curarne la crescita.

L’iniziativa ha lo scopo preciso di garantire allo spettatore la possibilità di avere una prospettiva generale sul mondo della cultura in tutte le sue manifestazioni, per questo si vogliono integrare fra loro tutte le forme artistiche. Ogni disciplina permette di considerare la realtà da un diverso punto di vista arricchendo e rendendo più completo il modo di concepire l’esperienza. Ancora Roberta Nicolai: 《Gli spettacoli programmati espongono e sospendono un senso. Tentano la relazione dell’arte con la realtà. Sono un giardino spontaneo, spesso privato delle dovute tutele, tenuto in vita dalla costanza dei suoi creatori. Vedo bellezza in questa lista promiscua, in questi processi che si dipanano in trilogie, trittici, fasi, sezioni che non riescono ad esaurirsi nell’atto di uno spettacolo singolo. È attorno a tali creature fragili che possiamo ancora pensare il teatro, la danza, il senso stesso della rappresentazione delle realtà, ormai molteplici. È intorno a queste creature che mi auguro si raccolga un pubblico vareigato e multiforme che porti le ferite e le delusioni di un’epoca dura e i desideri di senso e conoscenza che ancora ci fanno gli uomini e le donne che siamo. Per questo, se devo pensare un nome, chiamo quest’edizione specie protetta. Una bellezza resa fragile dalla sua stessa natura effimera e dall’assenza totale di luoghi che possano conserevarne le memorie, luoghi in cui crescere e generare》.

Come la natura offre un’infinita varietà di creatre che danno vita ad un insieme perfettamente armonico, così il festival si concentra su quella che il curatore musicale Enea Tomei chiama “esperienza sinestetica”: 《 Ogni espressione artistica è il coagulo di una contaminazione di elementi molteplici, un collage di idee, un puzzle assemblsto di esperienze. Una conosccenza che sintetizza la realtà creativa perecepita, attraverso il filtro della personale esperienza e crea le condizioni per un miglioramento del linguaggio spirituale ed emotivo della persona umana》.

Iniziative come questa sono da valorizzare, in quanto importante vetrina per chi altrimenti faticherebbe a far sentire la propria voce in una realtà difficle come quella italiana. Non si finirà mai di ricordare abbastanza comenil grandissimo patrimonio culturale della nostra nazione debba essere continuamente accresciuto, salvaguardando il passato ma senza mai abbandonare lo sguardo sul presente.

CALENDARIO

Lunedì 15:
18.00 EFFIMERO PERMANENTE / Danio Manfredini “Al presente” | Teatro Scuderie Villino Corsini
20.30 menoventi L’UOMO DELLA SABBIA |Vascello-Sala Nanni
22.00 clinica mammut DEL SORDO RUMORE DELLE DITA | MoLL- Monteverde Living Lab
22.00 federica santoro UN CARNEVALE PER SOLE EBALENO | Vascello-Sala Studio
22.30 ioioi LES FLEURS DE PERSEPHONE | Vascello-Foyer
23.00 canio loguercio MALINCONICO CACTUS / LO SGUARDO | Vascello-Sala studio

Martedì 16:
17.00 EFFIMERO PERMANENTE /Virgilio Sieni “La continuità del gesto”| Teatro Scuderie Villino Corsini
18.30 punta corsara IL CONVEGNO |Teatro scuderie Villino Corsini
20.00-23.00 opera XX, XY – PRIMO STUDIO NELLA TRAGEDIA DI AMLETO | Vascello-Sala Nanni [prima d seconda replica su prenotazione]
21.30 civilleri/lo scicco TANDEM | Carrozzerie n.o.t.
21.30 kuma TURTLE | Vascello-Sala Studio
22.00 canio loguercio MALINCONICO CACTUS/ IL DISORIENTAMENTO |Vascello-Sala Studio

Mercoledì 17:
dalle 16.00 alle 19.00 gruppo nanou CAMERA 208 “Strettamente confidenziale” | Fondazione Volume!
20.30 quotidiana.com TUTTO È BENE QUEL CHE FINISCE | Vascello-Sala Nanni
21.30 le borg FLIYNG MACHINE | Vascello-Sala Studio
22.00 helen cerina IPERREALISMI | Vascello- Sala Nanni
23.00 cani loguercio MALINCONICO CACTUS / L’ERRORE | Vascello-Sala Studio

Giovedì 18:
dalle 16.00 alle 18.00 gruppo nanou CAMERA 208 “Strettamente confidenziale” | Fondazione Volume!
18.00 dom-GARTEN | Monte Cucco-Trullo

Venerdì 19:
18.00 paola bianchi WITH / TITLE | Carrozzerie n.o.t.
19.00 presentazione del libro CORPO POLITICO di Paola Bianchi | Carrozzerie n.o.t.
20.30 amendola/malorni L’UOMO NEL DILUVIO | Vascello-Sala Nanni
21.45 SELEZIONE MARTELIVE nano egidio | Vascello-Sala Studio
22.10 leviedelfool LUNA PARK | Vascello-Sala Nanni
23.30 canio loguercio MALINCONICO CACTUS / LA MEDITAZIONE | Vascello-Sala Studio

Sabato 20
18.00 paola bianchi WITH / PLURALE | Carrozzerie n.o.t.
20.30 fibre parallele LO SPLENDORE DEI SUPPLIZI | Vascello-Sala Nanni
23.00 phlox ARTE ELETTROACUSTICA E OGGETTI | Vascello-Sala Studio
23.30 canio loguercio MALINCONICO CACTUS / LA CONSAPEVOLEZZA | Vascello-Foyer

Domenica 21:
17.00 p.h.a.k.e. 100% PHAKE | Casa dei Teatri-Villa Phampilj
20.30 carrozzeria orfeo THANKS FOR VASELINA | Vascello-Sala Nanni
22.00 rius van alebeek DON’T TALK AT THE DISCO | Vascello-Foyer
22.30 parislamour+blasco COLD FACTS | Vascello-Sala Studio
23.00 canio loguercio MALINCONICO CACTUS / LA PREGHIERA | Vascello-Sala Studio

Martedì 23
17.00 incontro LA CREAZIONE CONTEMPORANEA E IL REALE | Casa dei Teatri-Sala Barbaro
20.30 indaco/laura boato ON THE MARKET |Vascello Sala-Nanni
Ospiti dei Rialtosantambrogio | 23.00 one circle FLIGHT TO FOREVER live + dj set

Valeria Campisi
14 settembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook