Al Franco Parenti con Cornacchione e Vasini in “L’ho fatto per il mio paese”

Al Franco Parenti con Cornacchione e Vasini in “L’ho fatto per il mio paese”

L'Ho-fatto-per-il-mio-paese-teatro-parentiPrima di “L’ho fatto per il mio paese”, ieri al teatro Franco Parenti di Milano, per il duo Antonio Cornacchione e Lucia Vasini che divertono e si divertono nei panni di un improbabilissimo rapinatore e di una ministra del lavoro, autrice di una riforma che ha messo in ginocchio il paese, per la regia di Daniele Sala, su testo degli autori di Maurizio Crozza, Francesco Freyrie e Andrea Zalone.

La commedia parte in sordina ma ritrova mano a mano un ritmo narrativo rivelando la buona intesa tra la Vasini e Cornacchione e una comicità che ci è ormai famigliare grazie al successo dei suoi autori nelle trasmissioni di Crozza. Anche in questo caso, siamo di fronte a gag e battute mai volgari con quel marchio “nazional-popolare” che non guasta così come nazional-popolare è il linguaggio e il messaggio finale che cavalca i luoghi comuni dell’antipolitica e gli umori della gente senza però la pretesa di una morale e senza fraintendimenti sulle intenzioni.

Così la ministra radical-chic, lontana dalla realtà della gente comune e legata a doppio filo agli interessi di partito, è consapevole di non poter incidere (se non negativamente) sui destini del popolo rappresentato dal lavoratore defraudato del suo diritto di ricevere la meritata pensione a causa di una riforma che in nome dei conti (e neanche per il bene dei molti) sacrifica “180 sfigati” derubandoli della loro vecchiaia, nuovi esodati travolti dai meccanismi che sembrano travolgere anche lo stesso governo, come una imperscrutabile legge del contrappasso.

Un rapimento sui generis, pasticcione , senza scopo d’estorsione, che si nasconde dietro il “l’ho fatto per il mio paese” per non dire …..che si è fatto per sé. Individualismo e egoismi anche per la personale scalata al potere di una ministra che di mestiere in realtà farebbe la commercialista (e anche quello malvolentieri) dopo essere stata frustrata nelle sue ambizioni di poetessa e che, ora, si rende conto di aver preso la strada sbagliata.

Potranno ancora ritrovarsi?

 

Agalaia Zannetti
5 luglio 2014
L’ho fatto per il mio paese
4/7 luglio
Teatro Franco Parenti
Via Pier Lombardo 14
Tel. 02 59995206
Biglietto intero 25€, ridotto (over60/uder25) 12,50€. Con eventuali convenzioni 17,50€.
Lo spettacolo sarà in scena alle 20.00.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook