“La famiglia Singer” si racconta al Teatro Franco Parenti

“La famiglia Singer” si racconta al Teatro Franco Parenti

la-famiglia-singer-teatro-parentiLa famiglia Singer” debutta al Parenti: unica data, il 10 Giugno, per rappresentare con musica, parole ed immagini le opere e i vissuti della famiglia Singer.

L’appuntamento ripercorre le vicende del trio familiare di grandi autori composto dal più famoso Isaac Singer (1904-1991), vincitore del premio Nobel nel 1978, Israel Singer (1893-1944) ed Edith Singer- conosciuta come Esther Kreitman. Nati in un villaggio nei pressi di Varsavia a cavallo tra l’800 e il ‘900, in una famiglia radicata nelle tradizioni religiose ebraiche, i fratelli Singer iniziano a raccontare in yiddish episodi biografici celandoli e arricchendoli di passaggi salienti della Storia del tempo.

Sul palcoscenico della Sala Grande del Teatro Franco Parenti Anna Nogara, Luca Scarlini e Elia Schilton si alternano per presentare e introdurre il pubblico la lettura di alcuni brani della famiglia Singer.

I racconti narrati da ognuno dei componenti della famiglia Singer hanno un’impronta fortemente realistica che intreccia le dinamiche storiche e sociali con vicende personali. A Esther è ispirata la figura della protagonista del racconto Il ragazzo della Yeshiva, da cui il film Yentl di Barbra Streisand, come anche quella di Rechele nel convulso romanzo storico Satana a Goray.

I temi sviluppati dai Singer mettono in luce debolezze, travagli interiori, inquietudini, ribellioni e stratagemmi per opporsi verso il sistema tradizionale ebraico che ostacolava la donna verso un percorso di scolarizzazione e libertà intellettuale. La tradizione, ben rappresentata dal giorno del matrimonio, tema ricorrente nei tre autori, viene minacciata dall’assimilarsi, nella cultura ebraica, della modernità.

“La famiglia Singer” apre le porte al progetto ideato da Luca Scarlini: “Le Grandi Famiglie” che vedrà protagonisti celebri famiglie, dai Mann fino ai Pirandello.

Alessandra Pizzilli
12 giugno 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook