Trappola mortale: ultima settimana di suspence al teatro Manzoni con il giallo teatrale

Trappola mortale: ultima settimana di suspence al teatro Manzoni con il giallo teatrale

trappola-mortale-castE’ ancora in scena al Teatro Manzoni di Milano, per l’ultima settimana di repliche «Trappola mortale», di Ira Levin, per la regia di Ennio Coltorti, che ogni sera tiene incollate alla poltrone il pubblico per due ore di suspence, così come ha sempre fatto fin dal suo esordio nel 1978.

Il pubblico italiano ricorderà senz’altro la fortunata edizione di questo spettacolo, risalente a 25 anni fa, sempre tradotta da Luigi Lunari e  con la medesima regia di Ennio Coltorti, di cui era protagonista Paolo Ferrari e che vinse il biglietto d’oro.

Il suo successo è senz’altro dovuto all’azzeccata alchimia, tra giallo, colpi di scena e umorismo, con un testo teatrale avvincente e perfetto, che tratta il tema dell’avidità e della sete di successo, dove anche la scenografia si fa personaggio tra i personaggi. L’edizione attuale e magistralmente interpretata da Corrado Tedeschi, affiancato da Ettore Bassi e Miriam Mesturino, diretti da un valente regista, che ne ha fatto un’ottima rivisitazione per il teatro italiano. Completano il cast Giovanni Argante e Silvana De Santis.

La storia narra di un commediografo la cui verve di scrittore di successo è inaridita da anni, ed è oramai incapace di dare tensione e drammaticità ai testi che porta in scena, tanto che il suo ultimo spettacolo è stato un vero fiasco. Solo un nuovo successo potrebbe salvare la sua reputazione di scrittore e l’occasione d’oro gli viene offerta dal giovane Clifford Anderson, un suo vecchio allievo, che ha appena terminato di scrivere un giallo veramente avvincente: Trappola mortale.

Tutto si svolge in un lussuoso cottage, dove l’arrivo del giovane Clifford Anderson innescherà una serie di colpi di scena, facendo emergere, con tutta evidenza, di come dentro ogni trappola se ne nasconde un’altra, come dentro ogni uomo non esiste una sola anima, ma più anime che coabitano e sono in lotta tra di loro.

Il vecchio scrittore non vuole perdere l’occasione e progetta l’assassinio del suo collega per impadronirsi della sua opera prima. Ma la verità non è mai come sembra e grazie all’inevitabile suspance rimane alta l’attenzione del pubblico, che partecipa con passione allo svolgimento dei fatti teatrali sul palco, schierandosi ora con l’uno, ora con l’altro, ma solo alla fine scoprirà la verità ed il vero colpevole.

Uno spettacolo di grande successo che sarebbe un vero peccato perdere!

sotto un video sulla presentazione dello spettacolo al Teatro Manzoni

INFO:
Al Teatro Manzoni dall’8 al 25 maggio 2014
Biglietto: poltronissima € 32,00; poltrona: feriali € 20,00 – sabato e domenica € 22,00
Orari: feriali ore 20,45 – domenica ore 15,30

Sebastiano Di Mauro
19 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook