Torna Caveman, lo spettacolo sul perchè dell’eterno dissidio uomo-donna

Torna Caveman, lo spettacolo sul perchè dell’eterno dissidio uomo-donna

caveman-teatro-nuovoIl 22 maggio ore 20.45 al Teatro Nuovo di Milano, torna in scena “Caveman”, l’esilarante spettacolo sul rapporto di coppia, che con ironia presenta un’opera ideata da Rob Becker e presentata nel 1995 all’Helen Hayes Theatre di New York, che da allora è stato in scena anche in trenta Paesi del mondo, tanto da essere tradotto in più di 15 lingue differenti, vantando più di dieci milioni di spettatori e meritare addirittura una strada intitolata nella grande Mela.

Rob Becker, per scrivere questo spettacolo e dare delle risposte ai vari perchè nei comportamenti degli uomini e delle donne, ha condotto tre anni di studi di antropologia, preistoria, psicologia, sociologia e mitologia che lo hanno portato a questa conclusione: gli uomini e le donne sono “semplicemente”diversi!

Nella preistoria, l’uomo era cacciatore, la donna raccoglitrice. Inoltre le donne collaboravano tra loro, mentre gli uomini trattavano. Da tali origini, hanno sviluppato facoltà e qualità diverse: ecco spiegati gli eterni dissidi e le continue incomprensioni tra i due sessi.

L’ronia ed il divertimento di questo spettacolo è assicurato grazie al meccanismo dell’identificazione, che riesce a dare una chiave di lettura divertente delle nostre origini chiarendoci, umoristicamente, i perché dell’universo maschile e quello femminile.

Dunque un monologo, che è anche una sorta di terapia di coppia, una lunga seduta di un’ora e mezza che tra una risata e l’altra ci fa capire le insanabili differenze fra uomo e donna.

Lo studio-spettacolo è condotto con grande comicità da Maurizio Colombi, noto al grande pubblico anche per Peter Pan, We Will Rock You, La Divina Commedia, Heidi, Io Odio i Talent Show, Christmas Show e tanto altro che, appena concluso il suo Manzoni Derby Cabaret, si esibisce con questo spettacolo che è un cavallo di battaglia del suo repertorio.

Redazione Spettacolo
19 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook