“Cercasi Cenerentola”, la magia della favola: ultime repliche al Brancaccio e poi Milano

“Cercasi Cenerentola”, la magia della favola: ultime repliche al  Brancaccio e poi  Milano

cenerentola-il-musical“C’era una volta, in una terra lontana lontana, un minuscolo, pacifico e prospero regno, ricco di antiche e poetiche tradizioni. In un maestoso castello viveva un nobile signore, vedovo, con la sua bambina. Benché fosse un padre gentile ed affettuoso, ben presto capì che ella avrebbe avuto bisogno delle cure di una madre. E così si risposò scegliendo come seconda moglie una vedova di nobile famiglia che, invidiosa della bellezza della giovane che faceva sfigurare le sue due brutte figlie, si rivelò fredda e crudele, obbligandola a passare le sue giornate in cucina vicino ai fornelli. E’ per quel motivo che alla fanciulla venne dato il nomignolo di Cenerentola”.

Questo l’incipit di una delle fiabe più belle e popolari di sempre che a teatro diventa commedia musicale, approdando sul palcoscenico del Brancaccio di Roma dall’11 al 23 febbraio, per poi giungere al Teatro della Luna di Milano dal 27 febbraio al 16 marzo. Il nuovo musical, prodotto dalla Compagnia della Rancia e diretto dalla sapiente mano di Saverio Marconi, che ha curato questa “rivisitazione” assieme all’amico e collega Stefano D’Orazio (ex Pooh), incanta il pubblico romano e lo fa proprio grazie alla riscrittura in chiave ironica di un testo che risulta particolarmente piacevole all’ascolto e che si differenzia, rispetto alla favola originale, per la caratteristica ambientazione negli anni Cinquanta/Sessanta.

E’ così che la “moderna” Cenerentola, interpretata da un’appena 23enne Beatrice Baldaccini, che canta e balla in maniera eccellente, si ritrova affiancata da un principe che indossa scarpette da ginnastica ed utilizza una barca, “Maria Pia”, come mezzo di trasporto in luogo del più comune e tradizionale cavallo. E’ perlopiù la simpatia di questo principe sbarazzino e dall’esilarante accento toscano che conquista la sala.

A divertire la platea sono i giochi che coinvolgono adulti e bambini e che vedono la partecipazione attiva dello stesso pubblico, ma ciò che maggiormente cattura l’attenzione di grandi e piccini sono alcuni particolari dettagli scenici e scenografici come il momento in cui, in soli pochi secondi di buio, Cenerentola dismette i panni di “casalinga” per calarsi in quelli di meravigliosa principessa.

Tanto si sorride in un musical che vede protagonisti anche personaggi solo all’apparenza secondari, e perciò non meno importanti, come Rodrigo, fidato consigliere del principe, interpretato dallo straordinario Manuel Frattini, artista fenomenale in entrambi gli ambiti di canto e danza, e che continua ad essere consacrato quale talento indiscusso della commedia musicale italiana. Tante conferme, innumerevoli sorprese e grandiosa magia in uno spettacolo che sa bene come guardare all’amore, regalando sempre nuove e delicate emozioni.

Eleonora La Rocca
17 febbraio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook